Anna Bassy, da oggi in pre-order il vinile di “Genesi” con l’inedito “40/no voice”

Genesi” non si ferma al digitale e arriva anche in vinile. Il nuovo EP di Anna Bassy uscito per Needn’t si potrà stringere tra le mani da aprile e ordinare da oggi con un regalo a sorpresa: l’inedito “40/no voice” disponibile in digitale per chiunque prenoti il disco. Un pezzo ascoltabile anche dal vivo nelle prossime date live, che la vedono il 21 dicembre sul palco austriaco di Linz; il 28 ad Osimo (Ancona) e il 29 al Locus Winter di Bari.

La voce intensa e potente della cantautrice italo-nigeriana rivela in questo album un mondo intimo e a volte doloroso con grande sincerità, a un anno di distanza dall’EP di debutto “Monsters” dedicato alle paure. Cinque nuove tracce per confermare un vero talento, cinque pezzi inediti per esplorare ancora una volta la sua anima black trasportandoci in un viaggio sonoro dal cuore soul e dal battito R&B, capace di respirare allo stesso tempo pop ed elettronica.

Siamo di fronte a una sorta di rito di passaggio, un traghetto che dal suo passato la condurrà verso il suo primo album. Come si intuisce dal titolo, “Genesi” è un ritorno alle origini, anche perché racchiude i primi pezzi scritti in assoluto dall’autrice. Ogni brano ha inoltre una parte introduttiva, come una traccia a sé, che rappresenta appunto la sua genesi. Fa eccezione Lulla-bye, che ha la sua origine in coda, come una sorta di outro o traccia nascosta.

Il riferimento al passato c’è anche in un altro senso: rivela l’artista. La domanda che mi ha accompagnato infatti durante questo periodo è “How much longer will you live in the past?” (Per quanto tempo ancora vivrai nel passato?), una frase che tra l’altro stava per diventare il titolo dell’EP. Mi intrigava che in questa domanda il passato fosse posizionato nel futuro. Sembra un paradosso, ma è proprio ciò che accade spesso, quando lasciamo che il nostro futuro sia determinato dal nostro passato e ci dimentichiamo di vivere nel presente.

L’EP si apre con Genesi I: il ritmo è ancestrale ed evocativo, una ripetizione di sillabe scandisce il tempo. Il pezzo nasce da un laboratorio corale, rivolto a ragazzi provenienti dall’Africa. L’assenza di parole e testo nasce da un’esigenza pratica: avere una canzone immediata e di facile realizzazione, che superasse la diversità di lingue all’interno del gruppo.

Un pezzo fortemente simbolico che idealmente prosegue con Mercy, dove i protagonisti sono ancora gli stessi ragazzi. Anna dona loro la sua voce e chiede misericordia in un perfetto mix di nu soul e urban, domandandosi perché – pur condividendo come essere umani lo stesso destino, identiche aspirazioni, analoghe gioie e dolori – ancora non riusciamo a guardarci e riconoscerci come parte dello stesso mondo.

Genesi II introduce con un arrangiamento di sole voci Cold Down Here. È un brano che si delinea come un percorso di discesa e risalita, sia in senso musicale, perché inizia cupo e incalzante e si distende sul finale; sia nel suo significato. Parla di quando si scende in basso e si teme di poter sprofondare sempre di più, rendendosi conto più avanti che uscirne si può, anche con l’aiuto degli altri. La chiusura è affidata a Lulla-bye: è l’ultimo brano ma il primo a essere stato scritto, è la vera genesi, rappresenta la più autentica rinascita.

Ha origine da una rottura con il passato, passa per l’accettazione e arriva alla riconciliazione, con sé stessi prima di tutto. Un pezzo dolce e delicato che nasce come una ninna nanna, perché quando si va a dormire è il momento perfetto per fare pace con sé stessi e lasciare andare ciò che ci fa soffrire. Un concetto rivelato anche dal titolo, che è la fusione di Lullaby (ninna nanna) e Goodbye (addio).

È il brano a cui sono più legata. Parla di figli e figlie, di mia madre e di mio padre. Delle scelte che si fanno, del coraggio che ti richiede farlo, di chi ce l’ha il coraggio e di chi non lo trova, di chi resta e chi scappa. Parla di vita e parla di morte.

Tracklist

1. Genesi I

2. Mercy

3. Genesi II

4. Cold Down Here

5. Lulla-bye