LETTURA

Fabio Volo presenta il nuovo romanzo “Una vita nuova”, un viaggio incredibile di due cari amici: Paolo e Andrea

È usci­to final­men­te il 2 novem­bre l’undicesimo roman­zo di Fabio Volo per Mon­da­do­ri dal tito­lo Una vita nuo­va. Il nuo­vo roman­zo vede la luce dopo suc­ces­si let­te­ra­ri come Quan­do tut­to ini­zia, Il gior­no in più, È una vita che ti aspet­to, È tut­ta vita e l’ultimo risa­len­te al 2019: Una gran voglia di vive­re. Ospi­te da Fabio Fazio a Che tem­po che fa, l’autore ha rac­con­ta­to come ha tro­va­to l’ispirazione per scri­ve­re Una vita nuova

Pao­lo e Andrea, i pro­ta­go­ni­sti del libro, sono gli ami­ci di sem­pre: io ven­go dal­la pro­vin­cia e ho gli stes­si ami­ci da quan­do anda­vo alle ele­men­ta­ri. Dopo le dif­fi­col­tà degli ulti­mi anni, il mio sogno era quel­lo di rive­de­re i miei ami­ci e fare le cose vere del­la vita. Uno dei momen­ti più diver­ten­ti sono i viag­gi in mac­chi­na di quan­do si è poco più che ado­le­scen­ti. Ho uni­to que­ste par­ti roman­ti­che nel­lo scri­ve­re il libro”.

Il libro è in par­te auto­bio­gra­fi­co. Fabio Volo lo pre­sen­ta così:

Un viag­gio pie­no di diver­ten­tis­si­mi impre­vi­sti e di sco­per­te, del­le bel­lez­ze che a vol­te non si vedo­no men­tre sia­mo con­cen­tra­ti a fare quel­lo che gli altri si aspet­ta­no da noi. Un viag­gio che con­dur­rà un uomo dal dove­re al vole­re, dal pen­sa­re al sen­ti­re, dal pudo­re alla tenerezza”.

Due ami­ci su un’auto ros­sa attra­ver­sa­no l’Italia: musi­ca da can­ta­re, il ven­to tra i capel­li, la mano fuo­ri dal fine­stri­no a gio­ca­re con l’aria. Han­no una qua­ran­ti­na d’anni e una vita inca­glia­ta. Andrea aspet­ta un ver­det­to da cui dipen­de la sua vita sen­ti­men­ta­le. Pao­lo è in cri­si: di cop­pia, di iden­ti­tà, di mez­za età. O for­se è sola­men­te biso­gno di leg­ge­rez­za. L’auto su cui viag­gia­no è una vec­chia Fiat 850 spi­der. Il padre di Pao­lo l’aveva dovu­ta ven­de­re per far spa­zio alla fami­glia, e anco­ra la rim­pian­ge. Così Pao­lo ha deci­so di recu­pe­rar­la e far­gli una sor­pre­sa. Men­tre risal­go­no dal­la Puglia a Mila­no, Pao­lo e Andrea par­la­no tra loro con la spie­ta­tez­za che ci si può con­ce­de­re solo fra ami­ci: l’amore, il lavo­ro, i geni­to­ri. E quel­li che sem­bra­va­no pro­ble­mi inso­lu­bi­li si sgon­fia­no alla luce di una leg­ge­ra iro­nia. Sarà un viag­gio pie­no di diver­ten­tis­si­mi impre­vi­sti e di sco­per­te, del­le bel­lez­ze che a vol­te non si vedo­no men­tre sia­mo con­cen­tra­ti a fare quel­lo che gli altri si aspet­ta­no da noi. Un viag­gio che con­dur­rà Pao­lo dal dove­re al vole­re, dal pen­sa­re al sen­ti­re, dal pudo­re alla tenerezza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: