SPETTACOLO

Caso Mietta, parla Milly Carlucci: “Se tutti abbiamo il green pass siamo a posto secondo la legge”

Dopo il caos Luca­rel­li — Miet­ta, a Bal­lan­do con le Stel­le, è inter­ve­nu­ta final­men­te Mil­ly Car­luc­ci. La padro­na di casa deci­de di fare chia­rez­za su ciò che acca­de all’interno del suo pro­gram­ma, par­lan­do di green pass e pri­va­cy e sul­le ulti­me noti­zie su Memo Remi­gi. La con­dut­tri­ce ci tie­ne a fare il pun­to del­la situa­zio­ne: all’ingresso degli stu­di tut­ti esi­bi­sco­no il green pass, ven­go­no misu­ra­te le tem­pe­ra­tu­re ed ognu­no ese­gue il tam­po­ne rapi­do due vol­te a settimana.

A que­sto pun­to, se tut­ti abbia­mo il Green Pass sia­mo a posto secon­do la leg­ge attua­le. Non è pos­si­bi­le per moti­vi di pri­va­cy inda­ga­re sull’origine del Green Pass che può nasce­re da vac­ci­na­zio­ne, gua­ri­gio­ne o tam­po­ne”.

Mil­ly Car­luc­ci quin­di pre­ci­sa che non è pos­si­bi­le sape­re chi, tra i con­cor­ren­ti, è vac­ci­na­to e chi no (anche per rispet­to del­la pri­va­cy). Per quan­to riguar­da Memo Remi­gi, la con­dut­tri­ce smen­ti­sce le voci che cir­co­la­no in que­sti gior­ni. Infat­ti spie­ga che il can­tan­te ha avu­to “un incon­tro fuga­ce con una per­so­na che lo ha inclu­so nel trac­cia­men­to”. Quin­di sia il tam­po­ne rapi­do che quel­lo mole­co­la­re sono risul­ta­ti negativi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: