SPETTACOLO

Le Iene, stasera intervista a Valentino Rossi: “Correrò con una macchina l’anno prossimo”

Sta­se­ra in pri­ma sera­ta su Italia1, a “Le Iene”, il pilo­ta tra i più tito­la­ti al mon­do, Valen­ti­no Ros­si, riper­cor­re in un’intervista le prin­ci­pa­li tap­pe del­la sua car­rie­ra. Rag­giun­to da Ste­fa­no Cor­ti il gior­no del­la sua ulti­ma gara ita­lia­na di MotoGP al cir­cui­to di Misa­no, il cam­pio­ne si sot­to­po­ne ad un sim­pa­ti­co gio­co di indo­vi­na­re il momen­to sen­ten­do la tele­cro­na­ca. Valen­ti­no Ros­si le indo­vi­na tut­te in pochi secon­di ma un ulti­mo audio sem­bra met­ter­lo in dif­fi­col­tà: è la deci­ma vit­to­ria del mon­dia­le, crea­to ad hoc del­la tra­smis­sio­ne con la com­pli­ci­tà di Gui­do Meda, per omag­giar­lo del suo leg­gen­da­rio suc­ces­so. A com­ple­ta­re il dono anche una cop­pa sim­bo­li­ca, con­se­gna­ta per l’occasione dal­la sua com­pa­gna Fran­ce­sca Sofia Novel­lo, pre­sto madre del­la loro pri­ma figlia. Que­sta l’intervista integrale:

Invia­to: Nono­stan­te la pen­sio­ne sei in formissima.

Valen­ti­no Ros­si: Gra­zie, gra­zie! Mi dispia­ce però anda­re in pensione.

Invia­to: Sei pron­to al gran­de passo?

Valen­ti­no Ros­si: Direi di sì, dai. Con­ti­nuo a fare il pilo­ta, cor­re­rò con una mac­chi­na l’anno pros­si­mo, rimar­rò in pista, sen­nò mi annoio!

Invia­to: Abbia­mo già la squa­dra, sap­pia­mo già dove?

Valen­ti­no Ros­si: Cor­re­rò con del­le mac­chi­ne GT, serie Endu­ran­ce, però ades­so dob­bia­mo capi­re che cam­pio­na­to fare.

Invia­to: Quan­do è matu­ra­ta que­sta cosa del ritiro?

Valen­ti­no Ros­si: Ho pen­sa­to di con­ti­nua­re quest’anno però ho det­to, vedo quan­to sono com­pe­ti­ti­vo, se rie­sco a vin­ce­re, se rie­sco a sali­re sul podio, se rie­sco a fare del­le bel­le gare. Però quest’anno è sta­ta più dura del pre­vi­sto, mi aspet­ta­vo di anda­re un po’ più for­te, di fare meno fati­ca. Dopo la gara di Assen, e li mi ero pre­fis­sa­to di deci­de­re con cal­ma, ho aspet­ta­to una set­ti­ma­na e poi ho det­to, via, ci siamo.

Invia­to: Non ce n’è pro­prio più?

Valen­ti­no Ros­si: Sai qual è il pro­ble­ma? È che io sono vec­chio! Ho 42 anni, gli altri pilo­ti ne han­no 25. Fos­si sta­to più gio­va­ne ci sareb­be sta­to il tem­po per ripen­sar­ci ma ormai va bene così.

Invia­to: Arri­va­re a Misa­no per l’ultima gara in Ita­lia com’è stato?

Valen­ti­no Ros­si: Bel­lo. È sta­to un wee­kend mol­to emo­zio­nan­te, con una gran­de atmo­sfe­ra. Era pie­no di gen­te, pie­no di tifo­si. Poi sono con­ten­to per­ché sono riu­sci­to a fare una bel­la gara. Par­ti­vo indie­tro e son fini­to deci­mo, sono riu­sci­to ad anda­re piut­to­sto for­te, ho fat­to dei sor­pas­si, mi sono diver­ti­to, quin­di è sta­to il miglior modo per salu­ta­re tut­ti i tifo­si. E dopo la ban­die­ra a scac­chi mi sono fer­ma­to sot­to la tri­bu­na, ho tira­to il casco, è sta­to bello.

Invia­to: Cosa per­de il Moto­mon­dia­le sen­za Valen­ti­no Rossi?

Valen­ti­no Ros­si: Allo­ra, pri­ma il moto mon­dia­le era uno sport abba­stan­za famo­so però un po’ più di nic­chia. Con me tan­ta gen­te si è avvi­ci­na­ta alle moto, gen­te che non le cono­sce­va: dai bam­bi­ni pic­co­li alle signo­re di ottan­ta anni, ho un gran­dis­si­mo suc­ces­so con le signo­re di ottan­ta anni! È sta­to que­sto il bel­lo, è diven­ta­to più famo­so. Comun­que ci sono un sac­co di pilo­ti italiani…

Invia­to: Tipo?

Valen­ti­no Ros­si: Fran­ce­sco Bagna­ia, Fran­co Mor­bi­del­li, mio fra­tel­lo (Luca Mari­ni, ndr.), Enea Bastia­ni­ni, ci sono quat­tro pilo­ti ita­lia­ni l’anno pros­si­mo al MotoGP che pos­so­no esse­re for­ti. Sarà un po’ diver­so ma sarà bel­lo uguale!

Invia­to: È più emo­zio­nan­te vin­ce­re un mon­dia­le o sape­re di diven­ta­re papà?

Valen­ti­no Ros­si: Sape­re di diven­ta­re papà è sicu­ra­men­te più emo­zio­nan­te, vin­ce­re il mon­dia­le è più adrenalinico.

Invia­to: Ave­te scel­to il nome?

Valen­ti­no Ros­si: Ce ne sono anco­ra due tre in ballottaggio!

Invia­to: Un nome che ave­te già scartato?

Valen­ti­no Ros­si: Valen­ti­na per me, Sofia per lei (guar­da ver­so la sua com­pa­gna, ndr.), ci pia­ce­va Vittoria…vediamo dai!

Invia­to: Noi sia­mo anda­ti a tro­va­re Gui­do, che è diven­ta­to Gui­do Meda gra­zie alle tele­cro­na­che che ti ha dedi­ca­to e abbia­mo pre­pa­ra­to un pic­co­lo gio­co velo­ce dove abbia­mo rac­col­to i momen­ti più bel­li del­la tua car­rie­ra leg­gen­da­ria. Noi te li fac­cia­mo vede­re e tu devi indo­vi­na­re di cosa si tratta.

Valen­ti­no Ros­si: Va bene!

L’inviato mostra le imma­gi­ni con le tap­pe più impor­tan­ti del­la car­rie­ra del pilo­ta e Valen­ti­no Ros­si le indo­vi­na tut­te in pochi secon­di.

La pri­ma: la vit­to­ria del 1997 a Brno duran­te il Gp del­la Repub­bli­ca Ceca.

Invia­to: Che ricor­do hai del pri­mo mondiale?

Valen­ti­no Ros­si: È un sogno che si avve­ra. Vin­ce­re un mon­dia­le è una cosa che non dimen­ti­chi.  Il pri­mo mon­dia­le non si scor­da mai!

La secon­da: il gran Pre­mio del Giap­po­ne nel cir­cui­to di Suzu­ka nel 2001.

Valen­ti­no Ros­si: La pista era bel­lis­si­ma e li ci fu una gran­de lot­ta con Max Biag­gi, io ho pro­va­to un sor­pas­so all’esterno, lui mi ha dato una gomi­ta­ta, poi il mio sor­pas­so con l’alzata del dito medio. È sta­to un gran­de momen­to! Una riva­li­tà bel­lis­si­ma in cui lot­ta­va­mo per vin­ce­re il mon­dia­le e que­sta è sta­ta un po’ una mez­za ris­sa da stra­da, ma è sta­ta bella.

Invia­to: Ti è capi­ta­to di incon­trar­lo e di par­lar­gli di que­sto momento?

Valen­ti­no Ros­si: Quan­do cor­re­va­mo insie­me i nostri rap­por­ti non era­no mera­vi­glio­si, ades­so quan­do ci vedia­mo ci salu­tia­mo, abbia­mo con­di­vi­so una cosa insie­me ed è sta­to bello.

La ter­za: la pri­ma vit­to­ria con la nuo­va moto al mon­dia­le del­la MotoGP a Rio, nel 2002.

Valen­ti­no Ros­si: È sta­ta una gara dif­fi­ci­lis­si­ma, era bagnatissimo.

La quar­ta: dal­la Hon­da alla Yama­ha, la vit­to­ria del mon­dia­le a Phil­lip Island nel 2004.

Valen­ti­no Ros­si: Que­sta è pro­ba­bil­men­te la vit­to­ria più bel­la del­la mia car­rie­ra. Con Giber­nau è sta­ta una riva­li­tà tosta. All’inizio era­va­mo abba­stan­za ami­ci, dopo un po’ meno…è mol­to dif­fi­ci­le anda­re d’accordo quan­do si lot­ta per i mon­dia­li insie­me. Tra i due anda­vo meno d’accordo con Biag­gi, con lui è sta­ta mol­to più lun­ga la rivalità.

La quin­ta: nel 2018 il ritor­no alla vit­to­ria del mon­dia­le con la Yamaha.

Valen­ti­no Ros­si: È sta­to bel­lo per­ché qui, dopo aver per­so nel 2006 e nel 2007, sono tor­na­to a vin­ce­re. Qui ho bat­tu­to Sto­ner, Loren­zo, Pedro­sa. Que­sta è sta­ta una del­le più bel­le gare del­la mia car­rie­ra. Anche con Sto­ner quan­do abbia­mo lot­ta­to è sta­to duro il rapporto.

La sesta: la cen­te­si­ma vit­to­ria, nel 2009, ad Assen, in Olanda.

Valen­ti­no Ros­si100 vit­to­rie sono un bel nume­ro! Loren­zo è sta­to un gran­dis­si­mo riva­le, ades­so andia­mo d’accordo.

Invia­to: Rive­den­do que­ste imma­gi­ni ti vie­ne anco­ra voglia di lasciare?

Valen­ti­no Ros­si: Rive­den­do­le mi fa veni­re voglia di cor­re­re per altri 10 anni però va bene così. Qui, nel 2015, ci sono dei ricor­di mol­ti brut­ti per­ché c’è sta­ta una gran­de lot­ta tra me e Loren­zo e abbia­mo avu­to dei pro­ble­mi con Mar­quez che mi ha fat­to per­de­re. Non si era mai visto che un cam­pio­ne cor­ra per far per­de­re un altro e non per vin­ce­re lui. mi dispia­ce non aver vin­to 10 mon­dia­li per­ché a Valen­cia ho sba­glia­to e sono cadu­to ma que­sto ha fat­to più male. È un gran­de ram­ma­ri­co per­ché non me l’aspettavo e da lì non è sta­to più lo stesso.

Invia­to: Chi è sta­to il tuo più gran­de rivale?

Valen­ti­no Ros­si: Biag­gi, Sto­ner, Lorenzo.

Invia­to: Quel­lo che tor­ne­re­sti a sfidare?

Valen­ti­no Ros­si: Sto­ner.

Invia­to: Per l’ultimo con­tri­bu­to abbia­mo solo l’audio.

In que­sto momen­to Cor­ti gli fa sen­ti­re un audio regi­stra­to con la com­pli­ci­tà di Gui­do Meda di una fin­ta tele­cro­na­ca, quel­la del­la deci­ma vit­to­ria al mon­dia­le. È un rega­lo da par­te del­la tra­smis­sio­ne per ono­ra­re i suoi suc­ces­si. Quan­do il pilo­ta se ne accor­ge sor­ri­de, festeg­gia ed esclama: 

Valen­ti­no Ros­si: Sono con­ten­to! Mi date una cop­pa? Anche il deci­mo mon­dia­le è arrivato!

Invia­to: A chi dedi­chi que­sta vittoria?

Valen­ti­no Ros­si: Alla bim­ba che sta per nasce­re. Gra­zie, è sta­to bello!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: