MUSICA

I Mombao conquistano i giudici di X Factor con la loro speciale “Toi Pa”

Duran­te la ter­za pun­ta­ta di audi­zio­ni di X‑Factor, in onda gio­ve­dì 30 set­tem­bre 2021, i Mom­bao sono sta­ti tra i pro­ta­go­ni­sti del­l’ap­pun­ta­men­to in onda su Sky Uno con la loro Toi Pa, con­qui­stan­do ben quat­tro sì da par­te dei giu­di­ci. I Mom­bao sono un duo for­ma­to da Damon Arab­sol­gar (Pash­mak) e Ansel­mo Lui­si (Le Luci Del­la Cen­tra­le Elet­tri­ca, ha col­la­bo­ra­to anche con Sel­ton, Gio­van­ni Fal­zo­ne, Vir­tuo­si del Car­so). Toi Pa inve­ce è un can­to popo­la­re bie­lo­rus­so che i Mom­bao han­no impa­ra­to (e poi rein­ter­pre­ta­to) ad un labo­ra­to­rio del Tea­tro Val­do­ca, da Lucia Pal­la­di­no e Ele­na Griggio.

I Mom­bao sono un duo for­ma­to da Damon Arab­sol­gar (Pash­mak) e Ansel­mo Lui­si (Le Luci del­la Cen­tra­le Elet­tri­ca, ha col­la­bo­ra­to con Sel­ton, Gio­van­ni Fal­zo­ne, Vir­tuo­si del Car­so). E’ un pro­get­to coin­vol­gen­te e ori­gi­na­le, a metà fra una per­for­man­ce e un con­cer­to: i due per­for­mer mesco­la­no can­zo­ni ine­di­te in diver­se lin­gue a can­ti popo­la­ri pro­ve­nien­ti da diver­se cul­tu­re riar­ran­gia­ti in chia­ve rock elet­tro­ni­ca. La per­for­man­ce avvie­ne al cen­tro del­la sala, con i due musi­ci­sti coper­ti di argil­la e body paint, cir­con­da­ti dal pub­bli­co. La radi­ce popo­la­re del pro­get­to per­met­te ai Mom­bao di ave­re un carat­te­re trans­ter­ri­to­ria­le e di ave­re pre­sa anche su cul­tu­re diver­se. La per­for­man­ce che ne con­se­gue è un ritua­le misti­co in chia­ve rock/elettronica in cui il pub­bli­co vie­ne coin­vol­to e tra­sci­na­to per pas­sa­re da uno sta­to di gran­de con­cen­tra­zio­ne e ascol­to ad un bal­lo libe­ra­to­rio.

Ai Mom­bao pia­ce sco­pri­re nuo­ve rot­te in ter­ri­to­ri poco bat­tu­ti. Oltre a diver­si tour in Ita­lia (Jazz MI, il Soli­to festi­val Fer­ra­ra, FarOut Festi­val, Arcel­la­bel­la, Trie­ste Esta­te, Tor­rio­ne Jazz Club Fer­ra­ra, ecc), e due tour in Ger­ma­nia, i Mom­bao han­no por­ta­to la loro musi­ca nei Bal­ca­ni (Slo­ve­nia, Croa­zia, Ser­bia, Koso­vo, Bosnia), e in Maroc­co (tour orga­niz­za­to dall’ Ame­ri­can Lan­gua­ge Cen­ter gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne con Vic­tor Her­re­ro, chi­tar­ri­sta di Vini­cio Capos­se­la e Jose­phi­ne Foster). Sono sta­ti sele­zio­na­ti tra le band vin­ci­tri­ci del­la “Call Arti­sti 2020” da Ita­lia Music Export — SIAE che avreb­be dovu­to finan­zia­re il loro tour in India e Nepal in mar­zo 2020, orga­niz­za­to assie­me a We all should play.

I Mom­bao han­no già pub­bli­ca­to un EP e due sin­go­li, han­no all’attivo quat­tro resi­den­ze arti­sti­che (Ate­lier­si Bolo­gna, BRACT — Elba del Vici­no, Fie­ni­le Fluò Bolo­gna, Meta­for­te Jeso­lo) e sono sta­ti sele­zio­na­ti per la resi­den­za Mila­no Medi­ter­ra­nea che si è tenu­ta in pri­ma­ve­ra 2021 fra gli spa­zi del quar­tie­re Giam­bel­li­no e quel­li di BASE Mila­no, in cui han­no inco­min­cia­to a svi­lup­pa­re, insie­me a Koko­sh­ka Revi­val, del­le tec­no­lo­gie di inte­ra­zio­ne audio-video tra­mi­te le came­re “Kinect” da usa­re come visuals inte­rat­ti­vi duran­te le loro per­for­man­ce.

Han­no com­po­sto e regi­stra­to la colon­na sono­ra de “Gli Indo­ci­li”, docu­men­ta­rio di Ana Sha­me­taj sul­la com­pa­gnia di tea­tro spe­ri­men­ta­le Tea­tro Val­do­ca, pro­dot­to da RAI Cine­ma e UBU libri. Il docu­men­ta­rio è sta­to vin­ci­to­re del pre­mio Aso­lo Film Festi­val ed è sta­to pre­sen­ta­to al Locar­no Film Festi­val, Trie­ste Film Festi­val e al FIFA di Mon­treal. Al di fuo­ri di Mom­bao, nel cor­so del­la loro decen­na­le car­rie­ra han­no col­la­bo­ra­to con altri pro­get­ti che li han­no por­ta­ti a suo­na­re su alcu­ni dei più impor­tan­ti pal­chi ita­lia­ni (TPO, Car­ro­pon­te, Tea­tro Nazio­na­le Mila­no, Audi­to­rium par­co del­la musi­ca Roma, Audi­to­rium Mila­no, Tea­tro Duse Bolo­gna, OGR Tori­no etc) ed euro­pei (Ger­ma­nia, Olan­da, Fran­cia, Spa­gna, Sviz­ze­ra, UK, Rep Ceca, Polo­nia, Bel­gio), oltre a Rus­sia e Cina. Negli anni han­no regi­stra­to 4 EP, 6 LP e sva­ria­ti sin­go­li (Pash­mak, Loo­se­bi­tes, Luci del­la Cen­tra­le Elettrica).

Duran­te il 2020 han­no rila­scia­to due sin­go­li, Essa­ie­re e Fresh Silk, “Mom­bao live in RUST”, un mini-docu­men­ta­rio che rac­con­ta di come abbia­no deci­so di con­ti­nua­re a suo­na­re in un video­gio­co nono­stan­te il loc­k­do­wn li aves­se sepa­ra­ti in cit­tà diver­se, “Il pun­to del cor­po che non pen­sa” un docu­men­ta­rio su un tour in Slo­ve­nia e sono sta­ti indi­ca­ti come una del­le “real­tà da tene­re d’occhio” secon­do Roc­kit oltre ad esse­re nel­la lineup del MIAMI “che avreb­be dovu­to esse­re”. Ad ini­zio 2021 col­la­bo­ra­no con l’as­so­cia­zio­ne cul­tu­ra­le Mila­no Medi­ter­ra­nea, un cen­tro d’arte par­te­ci­pa­ta post-colo­nia­le che par­la le lin­gue del Medi­ter­ra­neo, coin­vol­gen­do i cit­ta­di­ni attra­ver­so resi­den­ze arti­sti­che par­te­ci­pa­te, un labo­ra­to­rio per­ma­nen­te rivol­to ai gio­va­ni, un comi­ta­to di quar­tie­re che affian­chi MM nel­la sele­zio­ne dei pro­get­ti di resi­den­za e pro­gram­ma­zio­ne culturale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: