NEWS

I genitori di Michele Merlo chiedono di indagare su eventuali omissioni antecedenti al ricovero

I geni­to­ri di Miche­le Mer­lo, pre­ma­tu­ra­men­te scom­par­so la sera del 6 giu­gno scor­so, han­no rite­nu­to oppor­tu­no, anche a segui­to del­le noti­zie ripor­ta­te dal­le Agen­zie di Stam­pa, le qua­li dan­no evi­den­za di un’“indagine inter­na” chie­sta dal­la Ausl di Bolo­gna cir­ca quan­to suc­ces­so nei gior­ni e nel­le ore pre­ce­den­ti al rico­ve­ro pres­so il repar­to di Ria­ni­ma­zio­ne dell’Ospedale Mag­gio­re di Bolo­gna, di chie­de­re alla magi­stra­tu­ra di svol­ge­re le neces­sa­rie inda­gi­ni al fine di veri­fi­ca­re se vi sia­no sta­ti erro­ri e/o omis­sio­ni ante­ce­den­ti al rico­ve­ro al Mag­gio­re che abbia­no deter­mi­na­to irre­ver­si­bil­men­te la sor­te del pro­prio figlio. 

A tal fine, assi­sti­ti dai pro­pri con­su­len­ti e lega­li pro­ce­de­ran­no in mat­ti­na­ta a depo­si­ta­re la for­ma­le denun­cia neces­sa­ria per chie­de­re l’avvio del­le pro­ce­du­re di seque­stro del­la sal­ma e del­le car­tel­le cli­ni­che. Dome­ni­co e Katia, padre e Madre di Miche­le inten­do­no rin­gra­zia­re tut­to il per­so­na­le medi­co, para­me­di­co e i diri­gen­ti del repar­to ria­ni­ma­zio­ne dell’Ospedale Mag­gio­re di Bolo­gna per la pro­fes­sio­na­li­tà e uma­ni­tà dimo­stra­ta nel­le ter­ri­bi­li ore che han­no pre­ce­du­to la mor­te del pro­prio figlio. Appro­fit­ta­no di que­sto comu­ni­ca­to anche per infor­ma­re che la data del­le ese­quie ver­rà comu­ni­ca­ta solo dopo che l’autorità giu­di­zia­ria avrà deci­so qua­li azio­ni intraprendere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: