NEWS

Pio e Amedeo rispondono alle accuse: “Il nostro obiettivo è scardinare l’opinione unica”

Pio e Ame­deo han­no pub­bli­ca­to pochi minu­ti fa un mes­sag­gio per chia­ri­re il loro mono­lo­go di vener­dì scor­so, tan­to cri­ti­ca­to in que­sti gior­ni. I due comi­ci han­no cer­ca­to di far chia­rez­za e spe­ci­fi­ca­re il sen­so del­le loro parole.

“Qual­cu­no for­se da que­sto post si aspet­ta del­le SCUSE e lo avvi­sia­mo subi­to che rimar­rà delu­so.
Pen­sia­mo che mol­tis­si­me per­so­ne che han­no attac­ca­to il nostro mono­lo­go non l’abbiano nem­me­no visto per inte­ro e che tan­ti lo abbia­no guar­da­to già pre­ve­nu­ti. Bene, ci rivol­gia­mo a loro, a “voi”. Non fate fin­ta di non capi­re quel­lo che abbia­mo det­to per­ché “vi” fa como­do tra­sfor­mar­lo nel­la soli­ta que­rel­le poli­ti­ca da quat­tro sol­di.
La poli­ti­ca non ci appar­tie­ne.
La poli­ti­ca ci omag­gia di spun­ti e per­so­nag­gi sen­za distin­zio­ni di par­ti­ti per fare quel­lo che voglia­mo fare, SATIRA, come abbia­mo sem­pre fat­to. Men­tre alcu­ni di “voi” era­no impe­gna­ti a met­te­re l’ar­co­ba­le­no nel­la foto pro­fi­lo sui social, i sot­to­scrit­ti qual­che anno fa, sono anda­ti in Rus­sia a respi­ra­re la puz­za del­l’o­mo­fo­bia. Ci sia­mo mes­si in pri­ma linea in uno Sta­to dove non bada­no trop­po ai modi, per­ché insie­me a Vla­di­mir Luxu­ria era­va­mo lì per far sen­ti­re la voce per il dirit­to di ugua­glian­za, e di buo­na rispo­sta sia­mo sta­ti spin­ti in una mac­chi­na con vio­len­za da ener­gu­me­ni e sia­mo sta­ti but­ta­ti fuo­ri fisi­ca­men­te a cal­ci da quel pae­se dove grup­pi di imbe­cil­li ade­sca­no ragaz­zi gay su inter­net per incon­trar­li, pestar­li e fare un video per postar­lo con fie­rez­za sui social… il tut­to sen­za gri­da­re nes­su­na paro­la “poli­ti­ca­men­te scor­ret­ta”, incre­di­bi­le!
Le per­so­ne cat­ti­ve pur­trop­po pos­so­no fare anche a meno dei “vostri” divie­ti lin­gui­sti­ci. LE PAROLE HANNO LA LORO IMPORTANZA! Ecco­me se ce l’hanno…ma non SONO NULLA IN CONFRONTO ALL’INTENZIONE!
È logi­ca: “le paro­le non val­go­no quan­to l’in­ten­zio­ne!“
Que­sto abbia­mo det­to! NON CI PROVATE. Si può fare così schi­fo anche usan­do solo ter­mi­ni “poli­ti­ca­men­te cor­ret­ti”.
Pas­sia­mo al nostro sug­ge­ri­men­to di usa­re l’i­ro­nia: l’u­ti­liz­zo dell’ironia lad­do­ve si può, è chia­ro, è solo quel­lo di ten­ta­re di disin­ne­sca­re l’of­fe­sa.
NESSUNO HA DETTO CHE l’IRONIA DISINNESCA LA VIOLENZA!
La risa­ta è solo un pal­lia­ti­vo all’i­gno­ran­za, per­chè se l’i­gno­ran­za è come il covid, il sor­ri­der­ci su e non dare trop­pa impor­tan­za ai voca­bo­li è il vac­ci­no. E IL VACCINO NON È LA CURA! Sor­ri­der­ci su è solo l’om­brel­lo sot­to l’ac­quaz­zo­ne.
LA CURA all’i­gno­ran­za è l’E­DU­CA­ZIO­NE CIVICA, che pre­scin­de dal­la lin­gua.
NON CI PROVATE “voi” A METTERCI IN BOCCA CONCETTI NON NOSTRI PERCHÉ CASCATE MALE! La più gran­de scioc­chez­za che abbia­mo sen­ti­to vole­te sape­re qua­le pen­sia­mo sia? Che biso­gna appar­te­ne­re ad una comu­ni­tà per capir­ne le debo­lez­ze, che biso­gna aver sof­fer­to per capi­re.
Ma noi stia­mo par­lan­do di affron­ta­re un pro­ble­ma che non riguar­da la “comu­ni­tà”, ben­sì chi LA DENIGRA , LA OFFENDE e LA OSTEGGIA.
SONO I CRETINI IL PROBLEMA, non la comunità…per risol­ve­re il pro­ble­ma non biso­gna esse­re del­la “comu­ni­tà” ma cono­scer­ne gli “aguz­zi­ni”, gli igno­ran­ti intor­no. Esi­sto­no le PERSONE, non le cate­go­rie, LE PERSONE!
Esi­sto­no i cat­ti­vi, i vili, gli schi­fo­si… quel­li che adot­ta­no la vio­len­za, è con­tro di loro che ci dob­bia­mo con­cen­tra­re.
PERCHÈ OGNUNO È LIBERO DI FARE CIÒ CHE VUOLE, SEMPRE MA NEL RISPETTO DEL VIVERE CIVILE! Que­sta è Demo­cra­zia.
Non fer­mia­mo­ci alla gram­ma­ti­ca del­le paro­le, OGGI PURTROPPO NON BASTA…EDUCHIAMO ANCHE LA TESTA E NON SOLO IL LINGUAGGIO! Quan­do dicia­mo “VOI” ci rivol­gia­mo a quel­li che non han­no capi­to il nostro mes­sag­gio.
Per­chè for­tu­na­ta­men­te, di gay, neri ed ebrei che han­no capi­to il sen­so di quel­lo che abbia­mo det­to ce ne sono tan­ti, tan­tis­si­mi, e sono quel­li, come noi, a cui baste­reb­be rag­giun­ge­re LA VERA UGUAGLIANZA. Per chiu­de­re sap­pia­te che
noi abbia­mo appe­na comin­cia­to la nostra bat­ta­glia ai luo­ghi comu­ni e all’i­po­cri­sia.
Il nostro obiet­ti­vo è sem­pre e sem­pre sarà quel­lo di scar­di­na­re que­sta OPINIONE UNICA che voglio­no impor­ci! Stay Tuned”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: