MUSICA

“Ricomincio dal NO”, il nuovo ospite di Caterina Balivo è Andrea Bocelli

Cate­ri­na Bali­vo tor­na onli­ne lune­dì 3 mag­gio, con il nuo­vo epi­so­dio di Rico­min­cio dal NO, la serie pod­ca­st dedi­ca­ta alle per­so­na­li­tà inter­na­zio­na­li che, nono­stan­te le dif­fi­col­tà, han­no sapu­to affer­mar­si in un ambi­to professionale. 

Un vero e pro­prio viag­gio nel­la vita e nel­la sto­ria di uomi­ni e don­ne che con la loro tena­cia, for­za e deter­mi­na­zio­ne, han­no sapu­to eccel­le­re in un cam­po spe­ci­fi­co, dal­lo sport alla scien­za, pas­san­do dal mana­ge­ment azien­da­le fino allo spet­ta­co­lo. Un rac­con­to uma­no e spon­ta­neo nel per­fet­to sti­le di Cate­ri­na Bali­vo che, in que­sto nuo­vo epi­so­dio, acco­glie Andrea Bocel­li, uno dei più gran­di can­tan­ti, ama­to e cono­sciu­to in tut­to il mondo. 

Ai micro­fo­ni di Rico­min­cio dal NO, il teno­re ita­lia­no si rac­con­ta a par­ti­re dai suoi NO “edu­ca­ti­vi”, rice­vu­ti spes­so in gio­va­ne età pro­prio dai geni­to­ri. Una con­fes­sio­ne che lo por­ta poi a par­la­re del rap­por­to che ha sem­pre avu­to con loro e degli inse­gna­men­ti che ne ha trat­to per l’educazione dei suoi figli.

Nel cor­so dell’intervista ven­go­no affron­ta­te anche le tema­ti­che lega­te alla sua fon­da­zio­ne e alla car­rie­ra. Un rac­con­to ric­co di emo­zio­ni e sen­sa­zio­ni, in cui il can­tan­te ricor­da i momen­ti feli­ci e quel­li più sfi­dan­ti del­la sua vita. 

A pro­po­si­to dell’assegnazione del­la stel­la sul­la cele­bre Walk of Fame di Hol­ly­wood, rac­con­ta come quel ricor­do sia per lui mol­to lega­to al padre: 

«Quan­do sono diven­ta­to gran­de e ave­vo fini­to gli stu­di, lui un po’ sof­fri­va che io non riu­scis­si a rea­liz­zar­mi in que­sta cosa del can­to. Per­ché poi è arri­va­to tar­di in defi­ni­ti­va, il rico­no­sci­men­to. Lui ave­va que­sta fis­sa dell’America e quan­do ci sono anda­to c’era, ma era­no gli ulti­mi tem­pi. Pur­trop­po non l’ha vis­su­ta con l’entusiasmo che a me sareb­be pia­ciu­to. Però quan­do è arri­va­ta la stel­la ho pen­sa­to a lui».

Quan­do Cate­ri­na gli chie­de se andrà mai in pen­sio­ne, Bocel­li risponde: 

«Ci andrà la mia voce, sicu­ra­men­te. Quan­do comin­ce­rà a non pia­ce­re più a me, pri­ma anco­ra che agli altri, basta».

Infi­ne, par­lan­do del suo rap­por­to con il pal­co­sce­ni­co, affer­ma: «I pri­mi anni sono sta­ti dram­ma­ti­ci per­ché ave­vo una pau­ra ter­ri­bi­le per tut­to il tem­po che ci ero sopra». E, incal­za­to da Cate­ri­na, con­clu­de «È brut­to, ma era col­pa mia per­ché era una pau­ra dovu­ta all’insufficienza tec­ni­ca: te can­ti come ti vie­ne. Pen­si che vada bene. Inve­ce poi con il tem­po ti accor­gi che è neces­sa­rio acqui­si­re una tec­ni­ca soli­da per ave­re del­le cer­tez­ze sul pal­co­sce­ni­co. Quin­di per tan­ti anni ho sof­fer­to parec­chio, poi meno, mol­to meno, ora la pren­do con filo­so­fia. Anzi a vol­te è anche bel­lo per­ché c’è l’affetto del pub­bli­co che è una cosa che non ha prezzo».

Rico­min­cio dal NO — ascol­ta­bi­le gra­tui­ta­men­te su Spo­ti­fy, Apple Pod­ca­st, Goo­gle Pod­ca­st e Sprea­ker — è pro­dot­to da Cho­ra, la nuo­va pod­ca­st com­pa­ny ita­lia­na, diret­ta da Mario Cala­bre­si, nata nel 2020 con l’obiettivo di svi­lup­pa­re nuo­ve iden­ti­tà nar­ra­ti­ve nel mon­do del­le pro­du­zio­ni audio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: