TELEVISIONE

Verissimo, Max Pezzali presenta in anteprima il libro “Max90 — La mia storia”

Max Pez­za­li, in ante­pri­ma tv, pre­sen­ta a Veris­si­mo Max90 – La mia sto­ria, il pri­mo libro dedi­ca­to al suo per­cor­so, ai miti e alle emo­zio­ni degli anni ’90: 

“Ten­to di rac­con­ta­re un decen­nio per me for­mi­da­bi­le par­ten­do da uno che que­gli anni li ha vis­su­ti inten­sa­men­te, anche attra­ver­so i testi del­le mie can­zo­ni, ogget­ti e situazioni”.

Sil­via Tof­fa­nin, che gli chie­de qua­le sia sta­to il suo rap­por­to con le ragaz­ze in que­gli anni, Max rispon­de:

“Ho una col­le­zio­ne di ‘due di pic­che’ invi­dia­bi­le. Chi non è fisi­ca­men­te attraen­te non arri­va imme­dia­ta­men­te. Ho impa­ra­to la tec­ni­ca dell’affabulazione: dove non arri­vi con l’aspetto fisi­co, puoi sop­pe­ri­re con la sim­pa­tia e l’intelligenza”.

Ai micro­fo­ni del talk show, il can­tan­te con­fes­sa di aver affi­la­to le sue capa­ci­tà di auto­re di can­zo­ni gra­zie alle let­te­re d’amore che indi­riz­za­va alle ragaz­ze di cui era inna­mo­ra­to: 

“Scri­ve­vo let­te­re d’amore per me è sta­to un ban­co di pro­va essen­zia­le per impa­ra­re a scri­ve­re can­zo­ni. Eser­ci­ta­vo la capa­ci­tà di sin­te­si per arri­va­re al cuo­re dei sen­ti­men­ti sen­za dilun­gar­mi troppo”.

Max è papà di un figlio pre­a­do­le­scen­te con il qua­le pro­va ad ave­re un rap­por­to amo­re­vo­le e sincero: 

“Cer­co di non crea­re bar­rie­re, gli fac­cio capi­re che di me si può fida­re. Sono un papà dol­ce, mi pia­ce il con­tat­to fisi­co e abbrac­ciar­lo. Lo imma­gi­no anco­ra un bam­bi­no, anche se sta crescendo”.

La car­rie­ra di Max è costel­la­ta di suc­ces­si, un sogno che col­ti­va­va dall’infanzia, oggi diven­ta­to real­tà:

“Da ragaz­zo cer­ca­vo di imi­ta­re i miei ido­li davan­ti allo spec­chio, ma nel­la mia testa mi dice­vo che ero un cre­ti­no. Quel­la voce mi aiu­ta anco­ra oggi, mi ricor­da di non pren­der­mi mai trop­po sul serio”.

Pez­za­li, ades­so, è in atte­sa di can­ta­re per la pri­ma vol­ta a San Siro con due date già sold out, ma che ha dovu­to rin­via­re a cau­sa del­la pandemia: 

“Sto viven­do con l’obiettivo di sali­re su quel pal­co e final­men­te poter can­ta­re davan­ti alle per­so­ne”. E con­clu­de: “Quan­do sarà tut­to fini­to la musi­ca dal vivo vivrà un nuo­vo rinascimento”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: