MUSICA

Ermal Meta, “Tribù Urbana” è l’album della svolta che ameremo già al primo ascolto

Doma­ni, vener­dì 12 mar­zo, esce Tri­bù Urba­na, il nuo­vo album di ine­di­ti di Ermal Meta, dispo­ni­bi­le in pre-order. L’album con­tie­ne 11 nuo­vi bra­ni, tra cui Un milio­ne di cose da dir­ti, con cui Ermal è sta­to in gara al 71° Festi­val di San­re­mo, aggiu­di­can­do­si il 3° posto e il Pre­mio “Gian­car­lo Bigaz­zi” per la miglior com­po­si­zio­ne musi­ca­le, decre­ta­to dall’Orchestra. Il video del bra­no ha inol­tre rice­vu­to il Pre­mio SIAE-Roma video­clip per il miglior video tra gli arti­sti big a San­re­mo 2021. Nel­la sera­ta di gio­ve­dì 4 mar­zo, l’omaggio di Ermal Meta con la Napo­li Man­do­lin Orche­stra a “Caru­so” di Lucio Dal­la è sta­to decre­ta­to dall’Orchestra come la miglior cover del­la sera­ta. Ermal è tor­na­to sul pal­co di San­re­mo dopo aver trion­fa­to nel 2018 con il bra­no “Non mi ave­te fat­to nien­te”, can­ta­to insie­me a Fabri­zio Moro e pre­sen­ta­to anche all’Eurovision Song Con­te­st a Lisbo­na. L’anno pre­ce­den­te, Ermal era già sali­to sul podio del Festi­val di San­re­mo con il bra­no “Vie­ta­to Mori­re”, vin­cen­do anche il Pre­mio del­la Cri­ti­ca Mia Mar­ti­ni e il Pre­mio per la miglior cover (per la sua inter­pre­ta­zio­ne di “Ama­ra Ter­ra Mia”).

È onli­ne il video uffi­cia­le di Un milio­ne di cose da dir­ti, diret­to da Tizia­no Rus­so. Un milio­ne di cose da dir­ti (testo di Ermal Meta, musi­ca di Ermal Meta e Rober­to Car­del­li) è una can­zo­ne d’amore, una «sem­pli­cis­si­ma can­zo­ne d’amore», dal sound essen­zia­le, pochi accor­di per rac­con­ta­re qual­co­sa di per­so­na­le ma capa­ce di risuo­na­re anche a livel­lo universale.

Tri­bù Urba­na (pub­bli­ca­to su eti­chet­ta Mescal e distri­bui­to da Sony Music), arri­va a tre anni di distan­za dall’ultimo album in stu­dio, “Non Abbia­mo Armi”, e, nei suoi 11 bra­ni, evi­den­zia l’altissimo livel­lo di scrit­tu­ra dell’artista, sia quan­do dà voce ai sen­ti­men­ti, sia quan­do rac­con­ta il mon­do attra­ver­so sto­rie di vita, guar­dan­do negli occhi uno ad uno i com­po­nen­ti del­la TRIBÙ URBANA, con suo­ni e paro­le che diven­ta­no i colo­ri distin­ti­vi di que­sto nuo­vo pro­get­to di Ermal Meta.

E’ cer­ta­men­te l’al­bum del­la svol­ta per Ermal Meta. I testi han­no un’a­ni­ma e un signi­fi­ca­to. Nien­te è sta­to scrit­to a caso. L’a­scol­ta­re può sogna­re, fan­ta­sti­ca­re e ritro­va­re la pro­pria vita nel­le can­zo­ni del disco. Il pri­mo bra­no del disco Uno è dedi­ca­to indub­bia­men­te ai live: sound fre­sco e testo che cari­ca e inco­rag­gia. Ci sono ovvia­men­te le bal­lad roman­ti­che come Stel­le Caden­ti e il bra­no san­re­me­se Un milio­ne di cose da dir­ti che abbia­mo apprez­za­to tan­tis­si­mo duran­te il Festi­val di San­re­mo. Stel­le Caden­ti diven­te­rà sicu­ra­men­te uno dei sin­go­li del­l’al­bum. Ha un valo­re spe­cia­le, sia nel testo che nel­l’ar­ran­gia­men­to musi­ca­le. Non man­ca­no le spe­ri­men­ta­zio­ni sono­re come No Sati­sfac­tion, bra­no for­se non vici­nis­si­mo al gene­re musi­ca­le che ha carat­te­riz­za­to l’ar­ti­sta negli ulti­mi anni. Ermal ha sapu­to affron­ta­re anche tema­ti­che impor­tan­ti, come nei bra­ni Gli invi­si­bi­li e Vita da Feno­me­ni. Non a caso, Ermal ha dichia­ra­to in con­fe­ren­za stam­pa che è mol­to lega­to al bra­no Gli Invi­si­bi­li. Per quan­to riguar­da Il desti­no uni­ver­sa­le, Non basta­no le mani e Un altro sole, pos­sia­mo dire con tut­ta fer­mez­za che lascia­no un’ot­ti­ma impres­sio­ne già al pri­mo ascol­to. Nina e Sara e Un pò di pace avran­no biso­gno inve­ce di un secon­do ascol­to per apprez­za­re il loro valo­re. In con­clu­sio­ne, Tri­bù Urba­na ci ha rega­la­to una gran­de emo­zio­ne. E’ un disco che ascol­te­re­sti volen­tie­ri già alla pri­me ore del mat­ti­no. Si pro­spet­ta un tour incre­di­bi­le per­ché ascol­ta­re dal vivo que­sti bra­ni sarà magni­fi­co. Gran­de Ermal!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: