MUSICA

Aiello, guarda il videoclip del brano sanremese “Ora”

Aiel­lo, in gara al 71° Festi­val di San­re­mo nel­la cate­go­ria CAMPIONI, ha pre­sen­ta­to per la pri­ma vol­ta sul pal­co del Tea­tro Ari­ston, diret­to da Iaco­po BRAIL Sini­ga­glia, il suo nuo­vo sin­go­lo Ora, dispo­ni­bi­le su tut­te le piat­ta­for­me digi­ta­li, in rota­zio­ne radio­fo­ni­ca e visi­bi­le, in for­ma­to video­clip uffi­cia­le, su YouTube.

Ora, pro­dot­to da BRAIL e MACE, è un bra­no che nasce dal­la con­ta­mi­na­zio­ne di gene­ri: urban, clas­sic e pop. È la sto­ria di un ragaz­zo che sen­za fil­tri dichia­ra di esser sta­to uno stron­zo, di aver fat­to una rinun­cia, un sui­ci­dio d’a­mo­re, e nel men­tre ricor­da un ses­so spe­cia­le, libe­ra­to­rio, tos­si­co, cura­ti­vo, sicu­ra­men­te non dimen­ti­ca­to, che ha defi­ni­to IBUPROFENE.

Nel video uffi­cia­le, diret­to da Giu­lio Rosa­ti, Aiel­lo con­ti­nua a rac­con­tar­si in modo mol­to per­so­na­le ed empa­ti­co. La ste­su­ra del sog­get­to è un lavo­ro a 4 mani tra il can­tau­to­re ed il regi­sta. Nel video­clip, Aiel­lo ritor­na in quel­la casa e sedu­to sul let­to riper­cor­re con la memo­ria i ricor­di. I fla­sh­back del pas­sa­to si alter­na­no alle stan­ze di casa che poi sono stan­ze del­la men­te. C’è il ses­so ibu­pro­fe­ne e il fuo­co dove pro­va a ince­ne­ri­re le not­ti non dimen­ti­ca­te, i ricor­di, poi il mare, sem­pre libe­ra­to­rio, con­fi­den­te, un pun­to di rife­ri­men­to, il luo­go del­la resa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: