MUSICA

Ermal Meta presenta il nuovo album “Tribù Urbana”

Vener­dì 12 mar­zo esce Tri­bù Urba­na, il nuo­vo atte­sis­si­mo album di ine­di­ti di Ermal Meta, già dispo­ni­bi­le in pre-order e con­te­nen­te 11 bra­ni ine­di­ti, tra cui Un Milio­ne di cose da dir­ti, bra­no in gara al 71° Festi­val di San­re­mo, e il sin­go­lo attual­men­te in radio, No Sati­sfac­tion.

Tri­bù Urba­na (Mescal / Sony Music) arri­va a tre anni di distan­za dall’ultimo album in stu­dio, “Non Abbia­mo Armi”, ed evi­den­zia l’altissimo livel­lo di scrit­tu­ra dell’artista, sia quan­do dà voce ai sen­ti­men­ti, sia quan­do rac­con­ta il mon­do attra­ver­so sto­rie di vita, guar­dan­do negli occhi uno ad uno i com­po­nen­ti del­la Tri­bù Urba­na, attra­ver­so suo­ni e paro­le che diven­ta­no i colo­ri distin­ti­vi di que­sto nuo­vo pro­get­to di Ermal Meta. 

Ermal Meta è in gara al 71° Festi­val di San­re­mo con il bra­no Un milio­ne di cose da dir­ti (testo di Ermal Meta, musi­ca di Ermal Meta e Rober­to Car­del­li), una can­zo­ne d’amore, una «sem­pli­cis­si­ma can­zo­ne d’amore», dal sound essen­zia­le, pochi accor­di per rac­con­ta­re qual­co­sa di per­so­na­le ma capa­ce di risuo­na­re anche a livel­lo uni­ver­sa­le. A diri­ge­re l’orchestra del Festi­val di San­re­mo per Ermal Meta è il Mae­stro Die­go Cal­vet­ti. Nel­la sera­ta di gio­ve­dì 4 mar­zo, Ermal, accom­pa­gna­to sul pal­co dal­la NAPOLI MANDOLIN ORCHESTRA, inter­pre­te­rà “Caru­so”, cele­bre bra­no del 1986 di Lucio Dalla.

Ermal tor­na sul pal­co di San­re­mo dopo aver trion­fa­to nel 2018 con il bra­no “Non mi ave­te fat­to nien­te”, can­ta­to insie­me a Fabri­zio Moro e pre­sen­ta­to anche all’Eurovision Song Con­te­st a Lisbo­na. L’anno pre­ce­den­te, Ermal era già sali­to sul podio del Festi­val di San­re­mo con il bra­no “Vie­ta­to Mori­re”, vin­cen­do anche il Pre­mio del­la Cri­ti­ca Mia Mar­ti­ni e il Pre­mio per la miglior cover (per la sua inter­pre­ta­zio­ne di “Ama­ra Ter­ra Mia”).

TRACKLIST | Tribù Urbana

  1. Uno
  2. Stel­le cadenti
  3. Un milio­ne di cose da dirti
  4. Il desti­no universale
  5. Nina e Sara
  6. No Sati­sfac­tion
  7. Non basta­no le mani
  8. Un altro sole
  9. Gli invi­si­bi­li
  10. Vita da fenomeni
  11. Un po’ di pace

Da quan­do è ini­zia­ta la mia car­rie­ra da soli­sta, la mia vita era pie­na di pic­co­li asse­sta­men­ti e ave­vo un bloc­co emo­ti­vo inte­rio­re e l’u­ni­co modo, l’u­ni­ca cosa che pote­vo fare era scri­ve­re una can­zo­ne per poter­mi in qual­che modo libe­ra­re e quin­di mi sono mes­so in gio­co. Non è nem­me­no una can­zo­ne d’a­mo­re, per me è la con­sa­pe­vo­lez­za di aver avu­to qual­co­sa di impor­tan­te. E’ una can­zo­ne che nasce nel momen­to di soli­tu­di­ne. Comun­que riguar­do l’al­bum non sono rima­sto all’in­ter­no di un gene­re musi­ca­le. Ho cer­ca­to di met­ter­ci den­tro un po’ tut­to quel­lo che ho ascol­ta­to in que­sti ulti­mi anni”. Ermal

TESTO | Un milione di cose da dirti

Sen­za nome io 

sen­za nome tu 

e par­la­re fin­ché un nome non ci ser­ve più

sen­za fret­ta io 

sen­za fret­ta tu 

ci sfio­ria­mo deli­ca­ta­men­te per capir­ci un po’ di più

sia­mo come due stel­le scam­pa­te al mattino 

se mi resti vici­no non ci spe­gne nessuno 

avrai il mio cuo­re a sona­gli per i tuoi occhi a fanale

ti ho pre­sa sul­le spalle 

e ti ho sen­ti­ta volare

Con le mani nel fan­go per cer­ca­re il destino 

tu diven­ti più bel­la ad ogni tuo respiro 

e mi allun­ghi la vita inconsapevolmente 

avrei un milio­ne di cose da dir­ti, ma non dico niente

in un mare di gior­ni feli­ci anne­ga la mia mente 

ed ho un milio­ne di cose da dir­ti, ma non dico niente 

ma non dico niente 

Il tuo viag­gio io 

la mia sta­zio­ne tu 

e sco­pri­re che voler­si bene 

è più dif­fi­ci­le che amar­si un po’ di più

è la mia mano che strin­gi, nien­te paura 

e se non rie­sco ad alzar­ti sarò con te per terra

avrai il mio cuo­re a sona­gli per i tuoi occhi a fanale

ce li fare­mo bastare

ce li fare­mo bastare

Con le mani nel fan­go per cer­ca­re il destino 

tu diven­ti più bel­la ad ogni tuo respiro 

e mi allun­ghi la vita inconsapevolmente 

avrei un milio­ne di cose da dir­ti, ma non dico niente

in un mare di gior­ni feli­ci anne­ga la mia mente 

ho un milio­ne di cose da dirti 

solo un milio­ne di cose da dirti 

Ti do il mio cuo­re a sonagli 

per i tuoi occhi a fanale

sen­za dir­lo a nessuno 

impa­re­re­mo a volare

Tu mi allun­ghi la vita inconsapevolmente 

avrei un milio­ne di cose da dir­ti, ma non dico niente 

in una mare di gior­ni feli­ci anne­ga la mia mente

ed ho un milio­ne di cose da dir­ti, ma non dico niente

ma non dico niente

Cuo­re a sona­gli io 

occhi a fana­le tu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: