PRIMO PIANO

Marco Mengoni emoziona nello speciale “L’anno che verrà” da Piazza Vecchia a Bergamo

Dopo la spe­cia­le ante­pri­ma di ieri su Rai 1, in coda all’edizione del TG del­la sera, da oggi è dispo­ni­bi­le su Rai­Play “21.02.20 – 21.02.21 L’anno che ver­rà”, l’evento uni­co da Piaz­za Vec­chia a Ber­ga­mo volu­to dal­la Rai per uni­re il pub­bli­co in un momen­to di rifles­sio­ne sul dif­fi­ci­le anno tra­scor­so attra­ver­so la voce straor­di­na­ria del cantautore. 

Per rac­con­ta­re que­sti mesi com­ples­si e per dare un segno di spe­ran­za, Mar­co Men­go­ni ha scel­to di pro­por­re una ver­sio­ne inti­ma ed essen­zia­le de L’anno che ver­rà di Lucio Dal­la, arti­sta a cui Mar­co era lega­to da pro­fon­da sti­ma reci­pro­ca. Scrit­ta nel 1978, que­sta can­zo­ne è oggi più attua­le che mai: rap­pre­sen­ta, infat­ti, il desi­de­rio di ripar­ti­re in un momen­to col­let­ti­vo così dif­fi­ci­le; ad intro­dur­re que­sto bra­no sen­za tem­po una bre­ve rifles­sio­ne per ricor­da­re la pau­ra, l’incertezza e la soli­tu­di­ne vis­su­te in que­sto anno, e insie­me la for­za che abbia­mo tro­va­to, “è sta­to neces­sa­rio ritro­var­si cer­can­do di capi­re che cosa sia vera­men­te importante”.

“Ho accet­ta­to subi­to l’invito di Rai1 e il pri­mo arti­sta a cui ho pen­sa­to è un genio del pas­sa­to radi­ca­to nel futu­ro: Lucio Dal­la - ha com­men­ta­to Men­go­ni - Mi sem­bra­va giu­sto omag­gia­re, tra­mi­te lui, la gran­de for­za che c’è sta­ta in quest’anno così dif­fi­ci­le per tut­ti e pro­por­re le sue paro­le che sem­bra­no scrit­te oggi per guar­da­re con fidu­cia al futu­ro. È un pri­vi­le­gio esse­re sta­to chia­ma­to per un’occasione come que­sta. L’emozione di can­ta­re da una Ber­ga­mo mera­vi­glio­sa e deser­ta è sta­ta uni­ca e irripetibile”. 

21.02.20 – 21.02.21 L’anno che ver­rà” sarà dispo­ni­bi­le su Rai­play uni­ca­men­te fino al 4 mar­zo, gior­no in cui Dal­la avreb­be com­piu­to 78 anni. 

Nato da un pro­fon­do sen­ti­men­to di par­te­ci­pa­zio­ne, per met­te­re un segno su que­sti mesi che han­no cam­bia­to le nostre vite, que­sto spe­cia­le momen­to di musi­ca rap­pre­sen­ta il desi­de­rio di ripar­ti­re in un momen­to col­let­ti­vo così dif­fi­ci­le. In que­sto anno abbia­mo fat­to i con­ti con la pau­ra e la soli­tu­di­ne, eppu­re in que­sto dolo­re ci sia­mo anche ritro­va­ti uni­ti, a riflet­te­re sul­le cose impor­tan­ti e a guar­da­re al futu­ro con spe­ran­za. Le can­zo­ni vivo­no vite diver­se in base alle epo­che in cui ven­go­no pro­po­ste e Mar­co ha tro­va­to ne L’anno che ver­rà, un capo­la­vo­ro del­la nostra cul­tu­ra non solo musi­ca­le, le paro­le giu­ste per que­sta giornata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: