SPETTACOLO

15 anni di GnuQuartet in un evento in streaming da La Claque di Genova

Gli Gnu­Quar­tet quest’anno cele­bra­no 15 anni di car­rie­ra, di pal­chi con­di­vi­si, di siner­gie, con l’estro che li con­trad­di­stin­gue, i vir­tuo­si­smi tra­vol­gen­ti, con un gran­de even­to in strea­ming - con­si­de­ra­ta l’emergenza sani­ta­ria attua­le — che si ter­rà il 21 feb­bra­io da La Cla­que di Geno­va, dal­le ore 21, visi­bi­le tra­mi­te un link che ver­rà dif­fu­so ai partecipanti.

“Dopo un anno for­za­ti nel­la stal­la, sal­vo pochis­si­me mera­vi­glio­se galop­pa­te nel­le nostre sava­ne musi­ca­li, abbia­mo deci­so di festeg­gia­re il 15° com­plean­no nell’unico modo pos­si­bi­le, in cat­ti­vi­tà - le paro­le degli Gnu­Quar­tet — Sare­mo con voi la sera del 21/02 con musi­ca, rac­con­ti, vec­chi fil­ma­ti, foto, aned­do­ti; fare­mo insie­me anche quat­tro chiac­chie­re. Per acce­de­re allo strea­ming vi chie­dia­mo un con­tri­bu­to alle spe­se di rea­liz­za­zio­ne e per soste­ne­re il nostro lavo­ro. Quest’anno la cri­si eco­no­mi­ca ha col­pi­to in modo diver­so ogni real­tà lavo­ra­ti­va, per­ciò l’offerta è libe­ra. Make your pri­ce and take tour ticket!”.

Sem­pre alla ricer­ca polie­dri­ca di sono­ri­tà che inse­guo­no seco­li e perio­di sto­ri­ci, gli Gnu­Quar­tet attra­ver­sa­no l’età roman­ti­ca con l’ultimo Paga­ni­ni — The Rock Album sino al pro­gres­si­ve anni ’70 di Kar­ma, cimen­tan­do­si col rock più ener­gi­co con­ta­mi­na­to da mae­strie jazz di Some­thing Gnu o con l’elettro-omaggio ai Muse in Muse_ic, viag­gian­do per i pati­na­ti anni ’80 che tro­va­no nuo­va lin­fa edo­ni­sti­ca in 80vogliadignu

I quat­tro musi­ci in 15 anni di per­cor­si musi­ca­li, han­no altre­sì rein­ter­pre­ta­to la musi­ca d’autore ita­lia­na e l’indie più con­tem­po­ra­neo (Gnu­Quar­tet, 2006), il tut­to sen­za mai abban­do­na­re i nuo­vi pro­get­ti scrit­ti e arran­gia­ti da loro­co­me in Unti­tled.

Carat­te­ri­sti­ca del quar­tet­to geno­ve­se — com­po­sto da Raf­fae­le Rebau­den­go alla vio­la, Fran­ce­sca Rapet­ti al flau­to tra­ver­so, Rober­to Izzo al vio­li­no e Cabre­ra al vio­lon­cel­lo — è la capa­ci­tà, sul pal­co, di diver­tir­si e diver­ti­re, tra­sci­na­re il pub­bli­co, scon­vol­ge­re gli sche­mi. Come lo Gnu, ani­ma­le incro­cio tra spe­cie, il tra­sfor­mi­smo dei quat­tro in sce­na è frut­to di un incon­tro tra sono­ri­tà e cul­tu­re musi­ca­li diverse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: