CONCERTI | EVENTI

Casa Sanremo apre e promuove il primo tavolo di confronto del mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento

Casa San­re­mo, in occa­sio­ne del 71° Festi­val del­la can­zo­ne Ita­lia­na, apre un tavo­lo uffi­cia­le di lavo­ro per instau­ra­re un dia­lo­go e favo­ri­re il con­fron­to tra tut­ti i lavo­ra­to­ri del mon­do del­lo spet­ta­co­lo e dell’intrattenimento, che han­no sof­fer­to gli effet­ti deva­stan­ti del­la pan­de­mia con un fer­mo che dura ormai da un anno. L’iniziativa non vuo­le esse­re un gri­do d’allarme o un’occasione di pro­te­sta o di pole­mi­ca ma il pri­mo con­cre­to momen­to in cui l’industria del­lo spet­ta­co­lo si riu­ni­sce per con­fron­tar­si ed espri­me­re una comu­nio­ne d’intenti mira­ta a far ripar­ti­re defi­ni­ti­va­men­te il com­par­to, uti­liz­zan­do una vetri­na d’eccellenza, San­re­mo, su cui sono pun­ta­ti tut­ti i riflet­to­ri. L’iniziativa vedrà coin­vol­te asso­cia­zio­ni, enti, isti­tu­zio­ni, coo­pe­ra­ti­ve, fede­ra­zio­ni nazio­na­li lega­te al com­par­to tea­tra­le, cine­ma­to­gra­fi­co, musi­ca­le e disco­gra­fi­co, oltre che nuo­ve real­tà del set­to­re dell’intrattenimento, che pro­prio in occa­sio­ne del bloc­co tota­le del­le atti­vi­tà sono riu­sci­te ad instau­ra­re nuo­vi rap­por­ti di soli­da­rie­tà, al fine di crea­re un fron­te più che mai uni­to per risol­le­va­re le sor­ti di miglia­ia di lavoratori.

L’obiettivo è quel­lo di for­mu­la­re, nel cor­so del­la set­ti­ma­na del Festi­val, un pro­to­col­lo uffi­cia­le che ver­rà poi pre­sen­ta­to for­mal­men­te al Mini­stro dei Beni e del­le Atti­vi­tà Cul­tu­ra­li del nuo­vo Gover­no, offren­do spun­ti riso­lu­ti­vi e con­cre­ti attra­ver­so le pro­po­ste rac­col­te tra tut­ti i sog­get­ti coin­vol­ti nell’iniziativa. 

Nell’edizione 2021 Casa San­re­mo entra nell’era del­lo strea­ming e si tra­sfor­ma in un moder­no hub digi­ta­le: in occa­sio­ne dell’inaugurazione, lune­dì 1° mar­zo, sarà rea­liz­za­to un col­le­ga­men­to in simul­ta­nea con i prin­ci­pa­li tea­tri e con le mag­gio­ri cari­che isti­tu­zio­na­li ed asso­cia­ti­ve. Casa San­re­mo si fa pro­mo­to­re del pro­get­to nel­la con­vin­zio­ne che l’unione di mol­te­pli­ci espres­sio­ni pos­sa vera­men­te smuo­ve­re le acque di quel pan­ta­no sta­gnan­te in cui anne­ga­no le pro­spet­ti­ve, a bre­ve e lun­go ter­mi­ne, di miglia­ia di cit­ta­di­ni che han­no pre­sta­to il loro ser­vi­zio in nome del­la Cul­tu­ra, patri­mo­nio di tut­ti gli italiani. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: