MUSICA

Emma, Alessandra e il loro ‘Pezzo di cuore’ : “La cosa bella è che non dovevamo nasconderci dietro una finta armatura da artista di mondo”

Oggi abbia­mo assi­sti­to alla con­fe­ren­za stam­pa di Emma Mar­ro­ne e Ales­san­dra Amo­ro­so. Le due arti­ste salen­ti­ne han­no pre­sen­ta­to alla stam­pa il nuo­vo sin­go­lo Pez­zo di Cuo­re. E’ indub­bia­men­te un bra­no mera­vi­glio­so, roman­ti­co, un ritor­no alle ori­gi­ni. E’ una bal­lad che riem­pie il cuo­re sin da subi­to. E’ magne­ti­co, instan­ca­bi­le. Emma e Ales­san­dra han­no rac­con­ta­to come è nato que­sto bra­no, tra aned­do­ti, emo­zio­ni e risa­te. Non sono man­ca­te ovvia­men­te le doman­de sul nuo­vo Festi­val di San­re­mo, su un pos­si­bi­le live e/o disco insie­me e su cosa ha pen­sa­to Maria De Filip­pi del nuo­vo pro­get­to. Buo­na Lettura

“Dicia­mo che era da un po’ di anni che era nel­l’a­ria que­sta volon­tà di fare una una can­zo­ne insie­me ad Ales­san­dra e anche la par­te quel­la bel­la dei nostri fan ce lo chie­de­va­no da un sac­co di tem­po. Poi in real­tà è sta­ta una scel­ta istin­ti­va per­ché io ero a Mila­no per fare X‑Factor e lei era a Roma a fare le sue cose, però ho sen­ti­to que­sto sen­so di irre­quie­tez­za. Ave­vo voglia di fare qual­co­sa per far ripar­ti­re il 2021 con una sen­sa­zio­ne di sano otti­mi­smo ed entu­sia­smo come direb­be Ales­san­dra. Quin­di ho chia­ma­to Dur­du­st e gli ho pas­sa­to tut­ti que­sti miei pen­sie­ri. Ave­vo voglia di una can­zo­ne sen­za tem­po, una bal­lad, qual­co­sa di for­te e poi Dur­du­st insie­me a Davi­de Petrel­la han­no tra­dot­to in musi­ca e paro­le tut­te que­ste mie sen­sa­zio­ni e tut­to quel sen­so che vole­vo che arri­vas­se da que­sta can­zo­ne. Qua­si ulti­ma­ta l’ho invia­ta via Wha­tsApp ad Ales­san­dra e poi le ho tele­fo­na­to. Le ho det­to che que­sta è la nostra can­zo­ne! La pri­ma par­te la can­to io, la secon­da par­te la can­ta lei e la par­te fina­le la fac­cia­mo insie­me ovvia­men­te. Ho det­to che non pen­so lei pos­sa dir­mi di no e così è anda­ta. Quin­di dopo undi­ci anni di car­rie­re ben distin­te e sepa­ra­te, abbia­mo tro­va­to il modo per riu­ni­re i nostri mon­di e per fare qual­co­sa che spe­ro piac­cia a tut­ti”. - Emma


“Quan­do Emma mi ha chia­ma­to, è vero che non pote­vo rispon­de­re diver­sa­men­te. Lei ave­va già fat­to la sud­di­vi­so­ne del can­zo­ne. In real­tà non pote­vo tirar­mi indie­tro, ma non l’a­vrei mai fat­to per­ché in real­tà era una volon­tà che ave­va­mo già espres­so entram­be. Quan­do ho ascol­ta­to il bra­no fon­da­men­tal­men­te ho pen­sa­to pro­prio a un dia­lo­go tra me e lei e così è sta­to anche quan­do sia­mo anda­te a regi­stra­re il bra­no. Io sono vera­men­te feli­ce di quel­lo che sia­mo oggi e di quel­lo abbia­mo fat­to per ‘Pez­zo di cuo­re’ ”. - Ales­san­dra Amoroso


Io cre­do che ‘Pez­zo di cuo­re’ sia una can­zo­ne uni­ver­sa­le e can­tar­la insie­me è sta­to faci­le per­ché per can­ta­re insie­me e fare le cose fat­te bene ci vuo­le secon­do me un gran­dis­si­mo pre­gio: saper­si ascol­ta­re. Se uno non ascol­ta l’al­tro vera­men­te fino infon­do dif­fi­cil­men­te ven­go­no fuo­ri del­le emo­zio­ni per­ché fon­da­men­tal­men­te io e Ales­san­dra sia­mo due per­so­ne diver­se, però nel­la nostra diver­si­tà sap­pia­mo ascol­tar­ci e quan­do due per­so­ne san­no ascol­tar­si auto­ma­ti­ca­men­te le loro voci san­no anda­re ad uni­so­no, san­no sta­re insie­me, san­no rac­con­ta­re la stes­sa sto­ria. Io cre­do che ‘Pez­zo di cuo­re’ sia una sto­ria uni­ver­sa­le, una sto­ria che riguar­da tut­ti. Chi è che non ha avu­to dei momen­ti di buio. Tut­ti noi ci fac­cia­mo del­le doman­de sul­l’a­mo­re per­ché alla fine anche quan­do si va a cena si par­te par­lan­do di mas­si­mi siste­mi per dar­si un tono a tavo­la, ma poi si fini­sce a par­la­re del­la stes­sa cosa, che poi è la cosa che fa muo­ve­re il mon­do: l’a­mo­re. Que­sto mestie­re mol­to spes­so ci met­te di fron­te a tan­te cri­ti­che, tan­ti giu­di­zi, ma quan­do si impa­ra ad ama­re se stes­si e ave­re rispet­to di se stes­si, auto­ma­ti­ca­men­te si impa­ra anche ad ama­re e rispet­ta­re tut­te le per­so­ne intor­no a noi. Il gran­de segre­to del­l’a­mo­re è ama­re se stes­si in pri­mis e impa­ra­re ad ama­re gli altri. Fac­cia­mo un lavo­ro che ci met­te spes­so di fron­te allo sguar­do atten­to degli altri, al pen­sie­ro degli altri, alle cri­ti­che degli altri e mol­to spes­so rischia­mo, ho rischia­to di vacil­la­re sot­to il giu­di­zio, il peso dei pre­giu­di­zi e que­sto ti por­ta maga­ri nel mio caso ad esse­re mol­to auto­cri­ti­ca nei miei con­fron­ti, a vol­te tan­to, a vol­te trop­po, a vol­te mi sono data del­le col­pe che non ave­vo. A 36 anni ho fat­to pace con que­sta sto­ria e mi voglio mol­to bene e for­se il fat­to che io mi voglia così bene ha por­ta­to anche gli altri ad avvi­ci­nar­si a me in manie­ra diver­sa e sono diven­ta­ta meno dura e meno rigi­da. Quin­di gli altri han­no tro­va­to una fes­su­ra di luce dove impa­ra­re ad entra­re pia­no pia­no”.Emma


“Sicu­ra­men­te in que­st’ul­ti­mo anno pas­sa­to, abbia­mo impa­ra­to a sta­re da soli, a sta­re insie­me a noi stes­si, a guar­dar­ci den­tro per­ché poi nel momen­to stes­so in cui ti guar­di allo spec­chio devi fare i con­ti con quel­la per­so­na che riflet­te all’in­ter­no e la par­te come dice­va Emma è una par­te impor­tan­te. For­se final­men­te abbia­mo tro­va­to que­sto egoi­smo che ci per­met­te di esse­re al pri­mo posto sen­za toglie­re agli altri, dare le giu­ste prio­ri­tà alle giu­ste cose”. - Ales­san­dra Amoroso

“Abbia­mo regi­stra­to in stu­dio da Dario (Dur­du­st) ed è sta­ta una gior­na­ta nor­ma­le. C’e­ra tan­ta emo­zio­ne da entram­be. Era­va­mo mol­to emo­zio­na­te per­ché per­ce­pi­va­mo il peso spe­ci­fi­co di quel­lo che sta­va­mo rea­liz­zan­do e c’e­ra anche l’e­mo­zio­ne del segre­to per­ché non lo sape­va nes­su­no e quin­di sia­mo arri­va­te tut­te incap­puc­cia­te a distan­za di 10 minu­ti. Que­sta cosa del tener­lo segre­to, del tener­lo per noi, ha crea­to un aurea intor­no a que­sta can­zo­ne mol­to pro­fon­da ed era­va­mo noi, con il nostro team, quel­lo di sem­pre. Era­va­mo una fami­glia. In real­tà è sta­to natu­ra­le per­ché non è det­to che due arti­ste rie­sca­no a far tra­pe­la­re le loro fra­gi­li­tà. Inve­ce, noi ci sia­mo anche ammaz­za­te di sto­na­tu­re a vicen­da, di risa­te e di momen­ti di gran­de emo­zio­ne, di gran­de emo­ti­vi­tà. La cosa bel­la è che io e Ales­san­dra non dob­bia­mo nascon­der­ci. Noi ci cono­scia­mo tan­to nel pro­fon­do, sia­mo sta­te pro­fes­sio­na­li per­ché dove­va­mo regi­stra­re qual­co­sa che fun­zio­nas­se bene per noi innan­zi­tut­to. Ma la cosa bel­la è che non dove­va­mo nascon­der­ci die­tro una fin­ta arma­tu­ra da arti­sta di mon­do per­ché ci cono­scia­mo trop­po bene quin­di que­sto ci ha reso vera­men­te mol­to uma­ne duran­te un momen­to così pro­fes­sio­na­le”. - Emma


“Maria De Filip­pi era mol­to con­ten­ta, è mol­to con­ten­ta di que­sto duo, di vede­re final­men­te le due figlie insie­me, veder­le can­ta­re. E’ mol­to orgo­glio­sa e io sono mol­to feli­ce. Pas­san­do all’in­ter­no del­lo stu­dio di Dario, ero vera­men­te tan­to emo­zio­na­ta per­ché desi­de­ra­vo espri­mer­mi con un’a­mi­ca in una can­zo­ne e devo dire che Emma è arri­va­ta vera­men­te nel momen­to giu­sto del­la mia vita. Sco­pri­re­mo tut­ti i retro­sce­na di que­sto incon­tro”. - Ales­san­dra Amoroso


“Il futu­ro è un po’ incer­to, quin­di dob­bia­mo vede­re quel­lo che sia­mo oggi, quel­lo che suc­ce­de oggi, lavo­ra­re sul pre­sen­te. Sem­mai doves­se acca­de­re un disco insie­me, un tour insie­me sareb­be mera­vi­glio­so. Noi ci tro­via­mo benis­si­mo, sia­mo due ami­che, due col­le­ghe, io for­se ho trop­po entu­sia­smo. Pen­sia­mo ad oggi, al momen­to”. - Ales­san­dra Amoroso


“Io devo chiu­de­re que­sto capi­to­lo di 10 anni per­ché se non chiu­do que­sto capi­to­lo è dif­fi­ci­le che ne apro un’al­tro. In tut­ti i modi cer­che­rò di por­ta­re avan­ti un tour, mi ade­gue­rò a tut­to quel­lo che sarà neces­sa­rio. Ho biso­gno di tor­na­re live, ho biso­gno di ripor­ta­re live i musi­ci­sti, le crew, i foni­ci, di far­li par­ti­re tec­ni­ca­men­te ed eco­no­mi­ca­men­te. Il disco ‘For­tu­na’ non ha avu­to modo di esplo­de­re in un pro­get­to di 10 anni che sta­va­mo costruen­do nei mini­mi par­ti­co­la­ri e che è rima­sto lì. Quin­di io que­st’an­no cer­che­rò sicu­ra­men­te di tor­na­re in tour e cre­do sia espli­ci­to e scon­ta­to che Ales­san­dra sarà ospi­te ovun­que lei riter­rà oppor­tu­no, in qual­sia­si data, le brac­cia sono aper­te. Que­sta can­zo­ne è nata per esse­re can­ta­ta dal vivo e si sen­te. Sono più di 10 anni che io e Ales­san­dra andia­mo in tour. Non abbia­mo mai sal­ta­to un tour nel­la nostra car­rie­ra. Sono più di 10 anni che por­tia­mo avan­ti una sto­ria disco­gra­fi­ca lega­ta anche agli even­ti live e are­ne o palaz­zet­ti. Il mio inten­to è quel­lo di ripar­ti­re a tut­ti i costi, con qual­sia­si mez­zo, non mi impor­ta. Voglio solo can­ta­re e Ales­san­dra potrà sce­glie­re di veni­re in qual­sia­si data e diver­tir­si con me”. - Emma

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: