NUOVE PROPOSTE

Samuele Cara, il cantautorato incontra l’indie nel nuovo singolo ‘Mordimi la schiena’

Mor­di­mi la schie­na, pro­dot­ta da Cri­stian Pinie­ri dei Lamet­te, è il nuo­vo sin­go­lo di Samue­le Cara. Un bra­no dal sound indie pop che rac­con­ta una rela­zio­ne peri­co­lo­sa cela­ta die­tro feli­ci­tà appa­ren­ti e sur­rea­li, dove alla fine vin­ce sem­pre la voglia di amar­si nono­stan­te la con­sa­pe­vo­lez­za di far­si del male. Un’i­stan­ta­nea di imma­gi­ni, di situa­zio­ni quo­ti­dia­ne, a vol­te anche di rab­bia. La vita che vin­ce sul­le rego­le dell’intrigo, intes­su­to dall’intelligenza e dal desi­de­rio di con­trol­lo e potere.

“Ho scrit­to que­sto bra­no alla fine del­l’e­sta­te, dopo anni di una rela­zio­ne tos­si­ca. Non è faci­le usci­re da un simi­le rap­por­to per­ché in qual­che modo ci impri­gio­na, e spes­so uno dei due part­ner è costret­to ad accet­ta­re e a sot­to­sta­re al com­por­ta­men­to dell’altro pur di con­ser­va­re il rap­por­to”.

Il bra­no mostra da subi­to il suo “sapo­re” ispi­ra­to alla nuo­va sce­na can­tau­to­ra­le roma­na. Il beat incal­za fino alle aper­tu­re più elet­tri­che del­l’in­ci­so, il synth lead trai­na il graf­fio del­la voce di Samue­le in una strut­tu­ra sem­pli­ce che non vuo­le toglie­re pal­co­sce­ni­co alla sto­ria. Amo­re e odio in un bipo­la­ri­smo per­fet­to, la tipi­ca guer­ra dei roses in cui tut­ti alme­no una vol­ta nel­la vita sia­mo inciampati.

Samue­le Cara nasce a Pale­stri­na (RM) il 21/10/1997. Ini­zia ad inte­res­sar­si alla musi­ca all’e­tà di 13 anni, nel suo Back­ground musi­ca­le ci sono Rino Gae­ta­no, Bea­tles e Oasis. Par­te­ci­pa a diver­si con­te­st e festi­val, e vie­ne pre­mia­to come arti­sta pro­met­ten­te del­l’an­no 2018 con la can­zo­ne Dim­mi Che Non Mi Vuoi. Lo stes­so anno pub­bli­ca i due sin­go­li “L’amore ecce­te­ra” e “Voglio Te”. Nel 2020 arri­va il bra­no “Un posto lon­ta­no” scrit­to con Gian­ni­ni e Ver­ti­gi­ni in col­la­bo­ra­zio­ne con Eros Pan­cra­zi e Molla.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: