INTERVISTA

Intervista | Luvespone ci porta un pò più a Sud con il nuovo singolo nato da un’intima riflessione

Luve­spo­ne pre­sen­ta il nuo­vo sin­go­lo Un po’ più a Sud (Maque­ta Records/Artist Fir­st). Nel­la ver­sio­ne acu­sti­ca, il bra­no vede la par­te­ci­pa­zio­ne dell’artista Oro­fi­no che, per l’occasione, accom­pa­gna Luve­spo­ne al pianoforte.

Il 2020 rimar­rà l’anno del mio esor­dio nel pano­ra­ma musi­ca­le, nono­stan­te tut­te le cri­ti­ci­tà che stia­mo viven­do. È sta­to un anno dif­fi­ci­le, a trat­ti anche mol­to, ma la spe­ran­za non è mai venu­ta meno: la mia eti­chet­ta, la mia squa­dra di lavo­ro e i miei ascol­ta­to­ri sono sem­pre sta­ti al mio fian­co e mi han­no dato la for­za per con­ti­nua­re a fare gran­di cose. Dun­que, ho scel­to di dedi­ca­re loro que­sta ver­sio­ne acu­sti­ca, regi­stra­ta nel pre­sti­gio­sis­si­mo stu­dio di Vin­cen­zo Caval­li, il Sono­ria Stu­dio Rec. di Scor­dia, e che vede la par­te­ci­pa­zio­ne del mio ami­co fra­ter­no Oro­fi­no al pianoforte…e non pote­va man­ca­re il video­clip, con­ten­te alcu­ne ripre­se fat­te in stu­dio di regi­stra­zio­ne, cura­to e rea­liz­za­to da Fran­ce­sco Scel­ba”.

Un po’ più a Sud, scrit­to dal­lo stes­so arti­sta, è un bra­no che invi­ta gli ascol­ta­to­ri a far­si gui­da­re dall’istinto per sco­pri­re al meglio le per­so­ne che ci fan­no sta­re bene, una can­zo­ne che nasce da un’intima rifles­sio­ne sul­le emo­zio­ni pro­va­te duran­te un’infatuazione.

Luve­spo­ne, all’anagrafe Gui­do Savat­te­ri, è un can­tan­te reg­gae di ori­gi­ni sici­lia­ne. Lau­rea­to in Filo­lo­gia Moder­na e appas­sio­na­to di comu­ni­ca­zio­ne digi­ta­le, muo­ve i pri­mi pas­si nel mon­do del­la musi­ca nel 2008, gra­zie alla fon­da­zio­ne del pro­get­to Reg­gae Con­nec­tion, nato dall’amore per la reg­gae music e dal­la voglia di dif­fon­der­la con tut­ti i mez­zi pos­si­bi­li. Ini­zia la sua car­rie­ra come voca­li­st duran­te i djset in vini­le del­la Reg­gae Con­nec­tion, gra­zie ai qua­li coglie le tan­te sfu­ma­tu­re del­la musi­ca in leva­re. Tra 2012 al 2017, con la pub­bli­ca­zio­ne del mix­ta­pe “Mat­to­ne su Mat­to­ne” e dell’album “Io Resto Qua”, rea­liz­za­ti in col­la­bo­ra­zio­ne con l’artista Micro­Ri­co, ini­zia ad esi­bir­si nel­le più impor­tan­ti mani­fe­sta­zio­ni sici­lia­ne, come il “One Day Music”, il “Beat­Full Festi­val” e il “Sici­ly Music Vil­la­ge”. Inol­tre apre i con­cer­ti di arti­sti reg­gae nazio­na­li e inter­na­zio­na­li come Albo­ro­sie, Gene­ral Levy, Mel­low Mood, Afri­ca Uni­te, Mama Mar­jas, Sha­ka­lab, Boo­m­Da­Bash, Sud Sound System, Brusco.

Nel 2020, con il sin­go­lo “Time Taking Over” e con “Ubria­chi fino alle tre (feat. Tar­sia)”, Luve­spo­ne anti­ci­pa l’inizio del suo nuo­vo pro­get­to da soli­sta e del soda­li­zio arti­sti­co con la casa disco­gra­fi­ca Maque­ta Records. Il pro­get­to musi­ca­le di Luve­spo­ne è carat­te­riz­za­to dal­la pre­sen­za del­le sono­ri­tà reg­gae, ma aper­to alle più varie con­ta­mi­na­zio­ni con il pop, l’elettronica e la black music. Attual­men­te, sta lavo­ran­do a nuo­vi sin­go­li, con l’intento di riu­nir­li all’interno del suo pri­mo album da soli­sta che dovreb­be vede­re la luce quest’anno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: