NEWS NUOVE PROPOSTE

Ysè, ‘Re e regine (Des Erreurs)’ è il nuovo singolo che anticipa l’Ep ‘Pieces’ di prossima uscita

Re e Regi­ne (des erreurs) è il nuo­vo sin­go­lo di Ysè in usci­ta vener­dì 08 Gen­na­io. Il nuo­vo bra­no, ovve­ro “Re e Regi­ne degli erro­ri”, attra­ver­so l’uso di tre lin­gue diver­se, par­la di una bat­ta­glia che oggi acco­mu­na e uni­sce tut­ti noi, Re e Regi­ne degli erro­ri, ossia quel­la con­tro il virus e la pan­de­mia che tan­to ci sta provando.

La melo­dia tra­spor­ta sin dal­le pri­me note in un’atmosfera cupa, dove l’unica fon­te di luce è “la lumiè­re dans la rue” che illu­mi­na gli orro­ri cau­sa­ti dal­la guer­ra, defi­ni­ta nel testo come invi­si­bi­le, “invi­si­ble third war”, non­ché lo sta­to di emer­gen­za in cui il mon­do sta viven­do da ormai mol­ti mesi. I Re e le Regi­ne sono vit­ti­me e ugual­men­te car­ne­fi­ci, stan­chi e cir­con­da­ti da una pol­ve­re che fati­ca­no a spaz­za­re via, e che loro stes­si potreb­be­ro aver crea­to. Tut­ta­via, con­sa­pe­vo­li non solo degli erro­ri, ma anche del­la loro for­za, avan­za­no e lot­ta­no per mano, uni­ti, “pour une autre chan­ce”. Ysé lan­cia nel bra­no un mes­sag­gio ben pre­ci­so a chi ascol­ta: “Eve­ry cloud has a sil­ver lining”, non tut­to il male vie­ne per nuocere. 

Fran­ce­sca Madeo, in arte Ysé, nasce il 20 set­tem­bre 1997 a Sas­suo­lo. La musi­ca è da sem­pre una pas­sio­ne di fami­glia: il padre, di ori­gi­ni cala­bre­si, ha lavo­ra­to da gio­va­nis­si­mo come radio­fo­ni­co nel ter­ri­to­rio ioni­co e mode­ne­se, ed il fra­tel­lo mag­gio­re è un dj mol­to cono­sciu­to nei loca­li del­la zona. Fino all’età di 14 anni Fran­ce­sca ha stu­dia­to dan­za clas­si­ca e moder­na, lascian­do sem­pre uno spa­zio di pia­ce­re per il can­to. Lascia­ta la dan­za, ha pre­so lezio­ni di chi­tar­ra e can­to, col­ti­van­do insie­me alla pas­sio­ne per la musi­ca il suo gran­de amo­re per le lin­gue e i viag­gi. Infat­ti, sep­pur gio­va­nis­si­ma, lo stu­dio e il lavo­ro nel mon­do del­le lin­gue stra­nie­re l’hanno por­ta­ta a intra­pren­de­re diver­si sog­gior­ni in Fran­cia e Regno Uni­to. Da que­ste espe­rien­ze deri­va il groo­ve estre­ma­men­te con­ta­mi­na­to e inter­na­zio­na­le che con­trad­di­stin­gue la musi­ca e l’anima dell’artista, e pro­prio da esso tro­va radi­ci anche il nome Ysé, dal fran­ce­se, lin­gua par­ti­co­lar­men­te ama­ta dal­la can­tau­tri­ce e che ritro­via­mo ricor­ren­te nei suoi bra­ni, insie­me all’inglese. Fran­ce­sca si è lau­rea­ta in lin­gue e let­te­ra­tu­re stra­nie­re nell’estate 2019 all’università di Par­ma, e pro­se­gue attual­men­te il suo ulti­mo anno di stu­di per il con­se­gui­men­to del­la lau­rea magi­stra­le in Lan­gua­ge Socie­ty and Com­mu­ni­ca­tion pres­so l’università di Bolo­gna. Ini­zia a scri­ve­re e regi­stra­re musi­ca in veste uffi­cia­le nel 2019, immer­sa nell’atmosfera inti­ma e poe­ti­ca dei col­li bolo­gne­si di San Luca, affian­can­do così al per­cor­so di Fran­ce­sca, il per­cor­so di Ysé.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: