SPETTACOLO

Campidoglio: il Capodanno di Roma è OLTRE TUTTO, un grande evento digital su culture.roma.it

Il Capo­dan­no di Roma 2021 è OLTRE TUTTO: la pro­po­sta cul­tu­ra­le che accom­pa­gne­rà Roma ver­so il nuo­vo anno. Un’esperienza uni­ca­men­te in digi­ta­le da segui­re sul sito culture.roma.it e sul­la pagi­na Face­book di @cultureroma, per vive­re insie­me — sep­pu­re lon­ta­ni — emo­zio­ni reali.

Pro­prio in que­sto perio­do di così gran­de dif­fi­col­tà e respon­sa­bi­li­tà col­let­ti­va, la nostra cit­tà rac­con­ta e si rac­con­ta attra­ver­so una sera­ta in strea­ming uni­ca ed ecce­zio­na­le, con arti­sti inter­na­zio­na­li e nazio­na­li: la cele­bra­zio­ne di un rito di pas­sag­gio piut­to­sto che una festa, quest’anno, con l’auspicio di ritro­var­si nuo­va­men­te insie­me per il capo­dan­no del 2022. Ne sono pro­ta­go­ni­ste la sua sto­ria, i suoi luo­ghi più straor­di­na­ri e gli arti­sti, che con le loro ope­re li ren­do­no sem­pre più attua­li e con­tem­po­ra­nei, que­sto il filo del rac­con­to di oltre due ore di even­to web. Le due cura­tri­ci, Fran­ce­sca Macrì e Clau­dia Sora­ce, insie­me alle Isti­tu­zio­ni Cul­tu­ra­li cit­ta­di­ne, sono par­ti­te da tre doman­de: come sen­tir­si vici­ni pur essen­do lon­ta­ni? Come può la nostra cit­tà tor­na­re ad esse­re una casa e non solo un pae­sag­gio? Come non smet­te­re di sogna­re? Da qui nasce un rac­con­to arti­sti­co fat­to di suo­ni, imma­gi­ni e paro­le per amplia­re l’orizzonte di que­ste rifles­sio­ni, tra­sfor­man­do­le in azio­ni straor­di­na­rie e spettacolari.

Miche­la Mur­gia e Chia­ra Vale­rio ci accom­pa­gne­ran­no in que­sto viag­gio ine­di­to, in que­sta for­ma nuo­va e diver­sa di vive­re il Capo­dan­no insie­me. Il Labo­ra­to­rio di Sce­no­gra­fia del Tea­tro dell’Opera, uno spa­zio ine­di­to, sim­bo­lo dell’eccellenza arti­gia­na­le del­la nostra cit­tà, è tra­sfor­ma­to per l’occasione in uno stu­dio di regi­stra­zio­ne non acces­si­bi­le al pub­bli­co, da cui le due autri­ci saran­no in col­le­ga­men­to dal­le 22 fino a dopo la mez­za­not­te e da cui si esi­bi­rà con una per­for­man­ce straor­di­na­ria in diret­ta strea­ming Gian­na Nan­ni­ni. Il Labo­ra­to­rio di Sce­no­gra­fia gode di uno straor­di­na­rio affac­cio su Cir­co Mas­si­mo, il luo­go in cui negli scor­si anni si cele­bra­va insie­me il pas­sag­gio dell’anno. Quest’anno al posto del­le per­so­ne a Cir­co Mas­si­mo ci saran­no due gran­di istal­la­zio­ni d’arte con­tem­po­ra­nea, quel­la di Alfre­do Pir­ri e quel­la di Tim Etchells che segna­no con la loro pre­sen­za il gran­de cam­bia­men­to di un Capo­dan­no che non sarà di piaz­za, ma che nel­le con­di­zio­ni ecce­zio­na­li che stia­mo viven­do, cer­ca di far­ci sen­ti­re comun­que insie­me, par­te del­la mede­si­ma comu­ni­tà, dal­le nostre abitazioni.

Tim Etchells, fon­da­to­re del­la com­pa­gnia For­ced Enter­tain­ment e arti­sta visi­vo, rea­liz­za una gran­de istal­la­zio­ne al neon, alta 16 metri, con il mes­sag­gio THIS PRECISE MOMENT IN TIME AS SEEN FROM THE FUTUREAlfre­do Pir­ri pre­sen­ta Fuo­co – Cene­re – Silen­zio, crea­zio­ne site spe­ci­fic che rein­ter­pre­ta la pira e l’elemento rige­ne­ra­to­re del fuo­co. Sei silos di cemen­to arma­to, alti fino a 8 metri, all’interno dei qua­li pren­de­ran­no fuo­co, intor­no alla mez­za­not­te, legno e arbu­sti recu­pe­ra­ti dal­le pota­tu­re effet­tua­te sul­le albe­ra­tu­re del­la città.

L’arte con­tem­po­ra­nea pro­ta­go­ni­sta di OLTRE TUTTO anche con la pri­ma mon­dia­le di Tomás Sara­ce­no: How to hear the uni­ver­se in a spider/web: A live con­cert for/by inver­te­bra­te rights pen­sa­to appo­si­ta­men­te per OLTRE TUTTO. L’artista argen­ti­no esplo­re­rà le con­nes­sio­ni del­la Ter­ra con l’Universo e del­l’Uo­mo con la Natu­ra e il Cosmo, gra­zie ad un nuo­vo lavo­ro che si svi­lup­pa su tre livel­li: un livel­lo sono­ro, uno visi­vo e un ter­zo lega­to alla per­ce­zio­ne del­le vibra­zio­ni.

Se le ope­re di que­sti arti­sti ci riman­da­no alla dimen­sio­ne più sim­bo­li­ca e pri­mor­dia­le di rela­zio­ne tra l’Uomo e la Natu­ra, la musi­ca inve­ce susci­te­rà emo­zio­ni for­ti, diret­te e imme­dia­te, pro­van­do a far sen­ti­re tut­ti anco­ra insie­me e meno distan­ti di quel­la distan­za fisi­ca che in que­sti gior­ni è fon­da­men­ta­le rispet­ta­re. Così oltre a Gian­na Nan­ni­ni, il pro­gram­ma ospi­ta le per­for­man­ce di alcu­ni gran­di arti­sti ita­lia­ni, già regi­stra­te la scor­sa set­ti­ma­na, da luo­ghi asso­lu­ta­men­te straor­di­na­ri del­la nostra Città. 

Elo­die dal Tabu­la­rium dei Musei Capi­to­li­ni, Gemi­taiz dall’Ara Pacis, Dio­da­to dal­lo Sta­dio Pala­ti­no, Carl Bra­ve da rhi­no­ce­ros Alda Fen­di art hub di fron­te all’Arco di Gia­no, Manuel Agnel­li feat. Rodri­go d’Erasmo dal Museo di Roma — Palaz­zo Bra­schi.

Il Capo­dan­no di Roma su piat­ta­for­ma digi­ta­le, sul sito culture.roma.it, diven­ta così un’occasione in cui la Cit­tà si rac­con­ta come mai ave­va fat­to pri­ma, offren­do ai suoi cit­ta­di­ni e al mon­do inte­ro imma­gi­ni e sug­ge­stio­ne uni­che e irri­pe­ti­bi­li. Ad accom­pa­gna­re que­sto lun­go dia­rio di una not­te di Capo­dan­no tan­ti altri con­tri­bu­ti ine­di­ti rea­liz­za­ti per l’occasione.

Le paro­le, il dia­lo­go, la scrit­tu­ra saran­no pro­ta­go­ni­ste non solo con Chia­ra Vale­rio e Miche­la Mur­gia, ma anche gra­zie ai con­tri­bu­ti di Maria Gio­van­na Lui­ni, San­dra Sava­glio e Igia­ba Sce­go. Non pote­va poi man­ca­re il cine­ma, con il pro­get­to Vedu­te a cui han­no par­te­ci­pa­to i Fra­tel­li D’In­no­cen­zo, Chia­ra Casel­li, Chia­ra Fran­ci­ni, Fran­ce­sco Bru­ni e Mau­ro Cova­cich. Ognu­no di loro ha rea­liz­za­to un video su Roma par­ten­do da un’inquadratura fis­sa, una por­zio­ne di spa­zio urba­no, un’immagine sim­bo­lo del­la loro visio­ne del­la cit­tà. Adria­na Fer­rei­ra e Augu­sta Girar­di, inve­ce, apri­ran­no lo strea­ming con una bel­lis­si­ma per­for­man­ce in duo, flau­to e arpa.

L’evento, oltre che video, sarà accom­pa­gna­to da uno spe­cia­le di Radio India, tra­smes­so su sprea­ker, un rac­con­to a più voci di OLTRE TUTTO che ci accom­pa­gne­rà dal 28 dicem­bre al 3 gen­na­io. Un video in time­lap­se rac­con­te­rà la crea­zio­ne di un enor­me fon­da­le dipin­to crea­to dal Labo­ra­to­rio del Tea­tro del­l’O­pe­ra di via dei Cer­chi raf­fi­gu­ran­te la cam­pa­gna di OLTRE TUTTO. L’o­pe­ra sarà poi mon­ta­ta sul tim­pa­no del­la fac­cia­ta dell’edificio per qual­che giorno.

“Anche in que­sto 2020 così dif­fi­ci­le abbia­mo fat­to il mas­si­mo per vive­re il Capo­dan­no insie­me rispet­tan­do il distan­zia­men­to fisi­co ma cer­can­do di costrui­re, attra­ver­so la con­di­vi­sio­ne in rete di una espe­rien­za spe­cia­le in una not­te spe­cia­le, del­le con­nes­sio­ni tra noi tut­ti. Rin­gra­zio tut­ti colo­ro che ci han­no lavo­ra­to e han­no imma­gi­na­to come resti­tui­re in con­di­zio­ni total­men­te dif­fe­ren­ti un po’ del­lo spi­ri­to di comu­ni­tà che ha reso un suc­ces­so le pas­sa­te feste di capo­dan­no. Invi­to tut­ti al rispet­to mas­si­mo del­le misu­re di con­te­ni­men­to impo­ste per que­sti gior­ni, i gran­di sacri­fi­ci di que­sti gior­ni ci con­sen­ti­ran­no doma­ni insie­me di ripar­ti­re con for­za e sere­ni­tà” dichia­ra la Sin­da­ca di Roma Vir­gi­nia Raggi.

Per il Vice­sin­da­co di Roma con dele­ga alla Cre­sci­ta cul­tu­ra­le Luca Ber­ga­mo:

“OLTRE TUTTO è un mes­sag­gio di vici­nan­za da Roma ver­so il mon­do inte­ro, la nostra è una Cit­tà Aper­ta a tut­ti e abbia­mo biso­gno del­la fidu­cia e respon­sa­bi­li­tà di tut­ti per supe­ra­re que­sta cri­si con una par­ten­za nuo­va, ver­so un diver­so model­lo di svi­lup­po. Que­sto fine anno spe­cia­le, è uno sfor­zo straor­di­na­rio, da par­te degli arti­sti, del­le nostre isti­tu­zio­ni e del­le cen­ti­na­ia di per­so­ne che lo stan­no ren­den­do pos­si­bi­le. Rin­gra­zio tut­ti e augu­ro che le imma­gi­ni, le paro­le, le emo­zio­ni di una cele­bra­zio­ne così diver­sa sia­no di buon auspi­cio per l’anno che verrà”.

OLTRE TUTTO è pro­mos­so da Asses­so­ra­to alla Cre­sci­ta cul­tu­ra­le nell’ambito di ROMA Cul­tu­re in col­la­bo­ra­zio­ne con MIBACT e Par­co Archeo­lo­gi­co del Colos­seo, Acca­de­mia Nazio­na­le di San­ta Ceci­lia, Casa del Cine­ma, Fon­da­zio­ne Cine­ma per Roma, Fon­da­zio­ne Musi­ca per Roma, Azien­da Spe­cia­le Palaex­po, Fon­da­zio­ne Romaeu­ro­pa, Tea­tro del­l’O­pe­ra di Roma, Asso­cia­zio­ne Tea­tro di Roma, con il sup­por­to di ACEA, con la regia e il coor­di­na­men­to arti­sti­co di Fran­ce­sca Macrì e Clau­dia Sora­ce, con il coor­di­na­men­to orga­niz­za­ti­vo di Zète­ma Pro­get­to Cul­tu­ra. L’immagine di OLTRE TUTTO è di Anto­nio Pronostico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: