NEWS

Nox, è online il nuovo singolo ‘Testa alta’

E’ dispo­ni­bi­le su tut­ti i Digi­tal Sto­re l’ultimo sin­go­lo di Nox inti­to­la­to Testa Alta, fuo­ri per l’e­ti­chet­ta tori­ne­se Sha­pe, edi­to da GRM Mana­ge­ment, distri­bui­to da Arti­st First.

La coper­ti­na del sin­go­lo e le rela­ti­ve ani­ma­zio­ni sono sta­te rea­liz­za­te dal­l’ar­ti­sta Rena­to Ange­lo­ne (https://www.renatoangelone.it), e biso­gne­reb­be par­ti­re pro­prio da que­ste imma­gi­ni per spie­ga­re lo splen­di­do viag­gio del bra­no in questione.

Il sin­go­lo, pro­dot­to da Mont Black, pro­du­cer Pop-trap e sas­so­fo­ni­sta blues tori­ne­se e mis­sa­to e maste­riz­za­to da Andrea Fusi­ni al Fusix Stu­dio di Tori­no, è una pagi­na di dia­rio scrit­ta in bre­ve tem­po e a cuo­re aper­to, pro­prio per­ché le emo­zio­ni trat­teg­gia­te e descrit­te dall’artista sono sen­sa­zio­ni auten­ti­che, acu­te, sof­fer­te, stam­pa­te a mar­chio inde­le­bi­le su pelle.

La ste­su­ra del testo era chia­ra e mol­to sem­pli­ce per­ché basta­va che rac­con­tas­si la mia sto­ria”, affer­ma Nox, che deci­de così di non abbas­sa­re la voce, piut­to­sto con­cre­tiz­za il desi­de­rio di rega­la­re la sua musi­ca e le sue paro­le a chi vuol rea­gi­re, a chi non vuo­le far­si con­ta­gia­re dall’odio e dal­le discri­mi­na­zio­ni di ogni tipo,“per­ché l’u­ni­ca stra­da per la feli­ci­tà è lastri­ca­ta d’amore”.

Il bra­no vie­ne pre­ce­du­to sui social da alcu­ni post par­ti­co­lar­men­te toc­can­ti in cui Nox deci­de di aprir­si al pro­prio pub­bli­co per rac­con­ta­re sen­za mez­zi ter­mi­ni e sen­za giri di paro­le il suo pas­sa­to, il tra­sfe­ri­men­to dal Maroc­co all’Italia, la fine di un infer­no, l’inizio di un nuo­vo capi­to­lo, di un nuo­vo infer­no. “Con la testa alta ma con i pie­di in bas­so” un gio­va­nis­si­mo Nox muo­ve i pri­mi pas­si ver­so il
mon­do dei gran­di, ten­de una mano ver­so i pro­pri sogni e ambi­zio­ni, tan­to più gran­di del­la sua tene­ra età, ma tan­to più a por­ta­ta di pol­pa­strel­lo, per­ché col­ti­va­ti ogni gior­no con la pas­sio­ne di chi sa di poter­ce­la fare.

Nox, nome d’ar­te di Noha­med Naji — clas­se 2002 -, è un can­tan­te e rap­per val­do­sta­no. Nato in Maroc­co, vive in Ita­lia da quan­do ave­va quat­tro anni, cre­sce influen­za­to dal­la musi­ca medio­rien­ta­le e la trap ame­ri­ca­na e da que­sti sti­li par­te per un viag­gio per­so­na­le tra note moder­ne dal sapo­re medi­ter­ra­neo.
Il suo nome d’arte è un omag­gio a uno dei momen­ti più bui del­la sua sto­ria per­so­na­le, un perio­do come la not­te appun­to, quel­lo dei pri­mi anni di scuo­la, duran­te il qua­le spes­so è sta­to ogget­to di epi­so­di for­ti a cau­sa del suo pae­se di pro­ve­nien­za, ma anche il momen­to in cui ha sco­per­to la musi­ca riu­scen­do a far­ne la sua for­za. Testa Alta è il sin­go­lo suc­ces­si­vo a Quel­lo che mi pare, bra­no che in bre­vis­si­mo tem­po ha col­le­zio­na­to 126k views su You­Tu­be gra­zie anche alla meti­co­lo­si­tà con cui è sta­to gira­to il video-video­ga­me sti­le medioe­va­le, trat­teg­gia­to dal­la cari­ca esplo­si­va dell’artista e da effet­ti spe­cia­li di tut­to rispet­to, e 19k stream su Spotify.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: