MUSICA

David Gilmour : È disponibile l’edizione limitata in VINILE 7’’ di “Yes, I Have Ghosts” | News

Da oggi, in occa­sio­ne del Record Sto­re Day Black Fri­day, è dispo­ni­bi­le l’edizione limi­ta­ta in vini­le 7 di Yes, I Have Ghosts, il nuo­vo sin­go­lo di David Gil­mour, arri­va­to dopo cin­que anni dal suo ulti­mo album da soli­sta Rat­tle That Lock.

Yes, I Have Ghosts, nel qua­le la figlia Roma­ny can­ta e suo­na l’arpa, è sta­to scrit­to dal­lo stes­so Gil­mour insie­me alla moglie Pol­ly Sam­son ed è ispi­ra­to a A Thea­tre for Drea­mers, il nuo­vo roman­zo di quest’ultima. Il vini­le con­tie­ne una ver­sio­ne ine­di­ta del bra­no fir­ma­ta da Andy Jackson. 

«Quan­do ho ini­zia­to a lavo­ra­re a que­sta can­zo­ne è comin­cia­to il perio­do di loc­k­do­wn e ho dovu­to can­cel­la­re la ses­sio­ne di regi­stra­zio­ne con i cori­sti ma, come si sa, non tut­to il male vien per nuo­ce­re e non avrei potu­to esse­re più feli­ce di sco­pri­re come la voce di Roma­ny si fon­de per­fet­ta­men­te con la mia e il suo modo di suo­na­re l’arpa è sta­ta una rive­la­zio­ne» ha affer­ma­to David Gil­mour.

Yes, I Have Ghosts, ini­zial­men­te reso dispo­ni­bi­le solo per l’audiolibro “A Thea­tre for Drea­mers”, è usci­to in digi­ta­le que­sta esta­te. Pol­ly Sam­son racconta: 

«Col­la­bo­ran­do con David — come ho fat­to già mol­te vol­te in que­sti 30 anni, scri­ven­do sia per lui che per i Pink Floyd — sia­mo riu­sci­ti a fon­de­re i mon­di del­la let­te­ra­tu­ra e del­la musi­ca per miglio­ra­re l’e­spe­rien­za di ascol­to e con­net­ter­ci con il pub­bli­co in un modo che non cre­do sia mai sta­to fat­to prima».

Ambien­ta­to nel­l’i­so­la gre­ca Hydra nel 1960, “A Thea­ter for Drea­mers cat­tu­ra le gior­na­te afo­se e soleg­gia­te di una comu­ni­tà boe­ma espa­tria­ta com­po­sta da poe­ti, pit­to­ri e musi­ci­sti, tra i qua­li un ven­ti­cin­quen­ne Leo­nard Cohen. Pri­ma del loc­k­do­wn dovu­to all’emergenza sani­ta­ria Covid 19, David, Pol­ly e la fami­glia sta­va­no per pre­sen­ta­re “A Thea­ter For Drea­mers” in un mini tour che avreb­be­ro mesco­la­to paro­le e musi­ca. Pur­trop­po, que­ste date han­no dovu­to esse­re riman­da­te al giu­gno 2021. Duran­te il loc­k­do­wn, la ‘Von Trap­ped Fami­ly’ ha pre­sen­ta­to in strea­ming su Face­book un assag­gio di quel­lo che sareb­be sta­to lo show. Gli spet­ta­to­ri si sono ritro­va­ti sul­l’i­so­la gre­ca di Hydra nel 1960, tra let­tu­re del libro, poe­sie, ses­sio­ni di Q&A e musi­ca ispi­ra­ta al roman­zo, tra cui anche sezio­ni stru­men­ta­li di Yes, I Have Ghosts e can­zo­ni di Leo­nard Cohen.“A Thea­ter for Drea­mers” è best sel­ler del Sun­day Times ed è sta­to pub­bli­ca­to da Bloomsbury.

Audio­li­bro: https://smarturl.it/atheatrefordreamers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: