NOVITA'

I’M ERIKA : L’artista pugliese presenta “Young and Free”, l’atteso album d’esordio composto da diversi generi e mood | New Hit

È dispo­ni­bi­le nei nego­zi di dischi e in digi­ta­le Young and Free (New Team Music), l’atteso album d’esordio di I’M ERIKA, pro­dot­to e arran­gia­to da Fran­co Mica­liz­zi. Il disco con­tie­ne 13 bra­ni, tut­ti diver­si tra loro per gene­re e mood. 

«Que­sta scel­ta è sta­ta fat­ta pro­prio per far capi­re a chi ci ascol­ta, che sia io che Fran­co non sia­mo lega­ti ad un uni­co gene­re musi­ca­le, ma spa­zia­mo su più fron­ti, per­ché la musi­ca se fat­ta con gusto è tut­ta bel­la – rac­con­ta la can­tan­teTut­ti i bra­ni che seguo­no, pur essen­do mol­to diver­si tra loro, han­no come filo con­dut­to­re non solo la mia voce, ma il gusto e la fir­ma incon­fon­di­bi­le di Fran­co. Abbia­mo alter­na­to bra­ni più rit­ma­ti a bra­ni più pas­sio­na­li ed emo­ti­vi, per cer­ca­re di varie­ga­re il più pos­si­bi­le l’ascolto del disco».

Il bra­no Agua do mar vede la par­te­ci­pa­zio­ne straor­di­na­ria di Fabri­zio Bos­so con la sua trom­ba, che por­ta l’a­scol­ta­to­re nel­le scon­fi­na­te spiag­ge del Sud Ame­ri­ca, ric­che di colo­ri, odo­ri, sapo­ri e musi­che tipi­che di quei luoghi.

Trac­kli­st di Young and Free

1. Young and free

2. The Lady is the Queen

3. Agua do mar

4. Star­ry night

5. Living it up

6. Wal­king on air

7. Poe­ma

8. Por tudo por nada

9. Mr groove

10. Have a nice trip

11. Min­ha vida

12. Time

13. Inde­ci­sio­ni

Sem­pre lo stes­so gior­no, sarà in radio il sin­go­lo omo­ni­mo scrit­to da Valen­ti­na Ducros, com­po­sto e arran­gia­to da Fran­co Mica­liz­zi.  

«Ho deci­so di can­ta­re que­sto bra­no per­ché il testo rac­con­ta del­la liber­tà di poter fare ciò che si vuo­le, libe­ri anche di sba­glia­re, ma con la pro­pria testa. Di quan­to sia bel­lo tra­scor­re­re una sera­ta con le ami­che, bal­lan­do fino a tar­di e beven­do qual­che drink. — affer­ma I’M ERIKA — Un omag­gio alla gio­ven­tù, non per for­za ana­gra­fi­ca, ma nel­la testa. Poi mi pia­ce­va il sound, la sezio­ne di fia­ti e il solo del sax bari­to­no, stru­men­to che amo».

«Il bra­no è nato dal desi­de­rio di poter far visua­liz­za­re, da par­te di chi lo ascol­ta come di chi lo ha scrit­to, dei gran­di oriz­zon­ti come quel­li che imma­gi­nia­mo pen­san­do alle atmo­sfe­re dei viag­gi, sen­za dimen­ti­ca­re che que­sta can­zo­ne vuo­le dare il movi­men­to gra­zie alla rit­mi­ca che invi­ta a muo­ver­si e bal­la­re» com­men­ta Fran­co Mica­liz­zi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: