MUSICA

Mardi Gras : È disponibile “You do something to me”, la reinterpretazione del brano di Paul Weller | New Hit

Rock band ita­lia­na dal respi­ro inter­na­zio­na­le, pun­to di rife­ri­men­to nel­la sce­na live roma­na, i Mar­di Gras inter­pre­ta­no “la can­zo­ne più roman­ti­ca di tut­ti i tem­pi” dal tito­lo You do some­thing to me. A cor­re­do del bra­no un video dal for­te impat­to visi­vo e sono­ro, sce­neg­gia­to e diret­to da Mat­teo Valen­ti ed illu­stra­to di Giam­pie­ro Wall­no­fer che si col­lo­ca nel sol­co dei video ani­ma­ti già in gra­do di con­qui­sta­re mol­ti arti­sti, oltre­con­fi­ne e non.

«Nel cor­so degli anni noi Mar­di Gras abbia­mo spes­so omag­gia­to altri arti­sti, sia in stu­dio sia live. Sono sem­pre bel­le sfi­de e abbia­mo sem­pre rein­ter­pre­ta­to i bra­ni, non volen­do ripro­por­li allo stes­so modo. “You Do Some­thing To Me” di Paul Wel­ler perio­di­ca­men­te tor­na­va a tro­var­ci. E per la pri­ma vol­ta abbia­mo pen­sa­to di fare un video ani­ma­to a cor­re­do del brano».

Orec­chio atten­to e cuo­re che pul­sa per i song­w­ri­ters ame­ri­ca­ni, ingle­si e irlan­de­si, i Mar­di Gras, rock band ita­lia­na (con voca­li­st esto­ne) dal­la gran­de espe­rien­za live, rico­no­sciu­ta e rico­no­sci­bi­le per il suo sti­le e l’attitudine che fa leva su bra­ni ori­gi­na­li e ine­di­ti, ritor­na­no così ad omag­gia­re il pro­prio mon­do musi­ca­le di riferimento. 

Emo­zio­na­le ed emo­zio­nan­te, il sin­go­lo You Do Some­thing To Me scrit­to e inter­pre­ta­to da Paul Wel­ler, pub­bli­ca­to nell’album “Stan­ley Road” (1995) e con­si­de­ra­to dal­le don­ne bri­tan­ni­che il bra­no più roman­ti­co di sem­pre davan­ti a “With Or Without You” degli U2 risplen­de in una nuo­va veste gra­zie ai Mar­di Gras.
Il sin­go­lo You Do Some­thing To Me è sta­to maste­riz­za­to da Stuart Epps (pro­dut­to­re disco­gra­fi­co e inge­gne­re audio bri­tan­ni­co, ha col­la­bo­ra­to con Led Zep­pe­lin, Geor­ge Har­ri­son, Elton John e Oasis – solo per cita­re alcu­ni dei gran­di nomi – non­ché con lo stes­so Wel­ler), che ha già affian­ca­to i Mar­di Gras nel­le usci­te precedenti.

I sei com­po­nen­ti del­la band Lii­na Ratsep (voce), Fabri­zio Fon­ta­nel­li (chi­tar­ra acu­sti­ca), Car­lo Di Tore Tosti (bas­so), Ales­san­dro Matil­li (pia­no e tastie­ra), Fabri­zio Del Mar­che­sa­to (chi­tar­ra elet­tri­ca) e Vale­rio Gio­va­nar­di (bat­te­ria) rein­ter­pre­ta­no una bal­lad toc­can­te e roman­ti­ca, una con­fes­sio­ne pura e malin­co­ni­ca. Il tes­su­to di un bra­no, quel­lo scrit­to e can­ta­to da Wel­ler, vie­ne cuci­to in un nuo­vo abi­to dai Mar­di Gras; il pro­ta­go­ni­sta del­la can­zo­ne si bru­cia in una fiam­ma d’amore che sarà (anche) la tor­cia capa­ce di illu­mi­na­re il suo cammino.

Il video ani­ma­to di You Do Some­thing To Me è sta­to sce­neg­gia­to e diret­to da Mat­teo Valen­ti (Fil­tro Video Pro­duc­tion) men­tre le illu­stra­zio­ni sono sta­te rea­liz­za­te dal dise­gna­to­re Giam­pie­ro Wall­no­fer (Scuo­la Inter­na­zio­na­le di Comics). Valen­ti spiega: 

«Nel­la sua decli­na­zio­ne video, “You Do Some­thing To Me” rap­pre­sen­ta un viag­gio imma­gi­na­rio lun­go le varie fasi dell’innamoramento e dei suoi dif­fe­ren­ti sta­ti. La pro­ta­go­ni­sta è una guer­rie­ra che, pur non viven­do in pri­ma per­so­na que­sto cam­mi­no, lo per­cor­re ideal­men­te attra­ver­so una frec­cia che scaglia».

Le imma­gi­ni ani­ma­te sono sta­te dise­gna­te da Wall­no­fer, che sottolinea: 

«Il video rea­liz­za­to è volu­ta­men­te sem­pli­ce, pri­vo del 3D e di effet­ti spe­cia­li. Ho pun­ta­to su movi­men­ti di quin­te ed ele­men­ti vari essen­zia­li, cia­scu­no con il pro­prio signi­fi­ca­to e il suo per­ché, per evi­ta­re che il video pre­va­les­se sul­la can­zo­ne (e vice­ver­sa)».

Non è il pri­mo gran­de nome, quel­lo di Paul Wel­ler, che i Mar­di Gras omag­gia­no. È già acca­du­to con Oasis (“Don’t Look Back In Anger”), Bru­ce Spring­steen (“Land of Hope and Dreams”), Wil­lie Nile (“One Gui­tar”); sen­za dimen­ti­ca­re che l’ensemble roma­no ha duet­ta­to con l’amico e col­le­ga Mark Gea­ry in due can­zo­ni del can­tau­to­re e musi­ci­sta irlan­de­se: “Adam’n Eve” e “Gin­ger­man”.

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: