NOVITA'

Biba : Da domani è disponibile il nuovo singolo della cantautrice romana dal titolo “Le cose che non mi dici” | New Hit

Biba è una gio­va­ne can­tau­tri­ce roma­na: stu­dia visual desi­gn e odia il mare ad ago­sto. Ini­zia a suo­na­re la chi­tar­ra con il sogno di diven­ta­re una rock­star tipo quel­le degli anni ’90, ma cre­scen­do si accor­ge che scri­ve­re è una neces­si­tà che va ben oltre il biso­gno di far­ce­la, divie­ne piut­to­sto la manie­ra più imme­dia­ta di dire la sua ad ogni costo.

Le can­zo­ni per lei ser­vo­no a pren­de­re a cal­ci qual­co­sa di gran­de. Anche quan­do sono deli­ca­te. Sono­ri­tà elet­tro­ni­che e dure si con­trap­pon­go­no alla tra­spa­ren­za di testi pret­ta­men­te can­tau­to­ria­li, con l’intenzione net­ta di rom­pe­re qual­sia­si tipo di schema.

Il pri­mo otto­bre Biba ritor­na a met­ter­si in gio­co con il bra­no Le cose che non mi dici, edi­to Romo­lo Dischi, distri­bui­to da Pira­mes Inter­na­tio­nal, pro­dot­to da Aure­lio Riz­zu­ti per Il Cubo Ros­so Recor­ding, scrit­to e com­po­sto da lei stessa.

Il bra­no è tut­to ciò che rima­ne inca­stra­to tra gli ango­li del­la boc­ca e del­la pel­le. È il biso­gno di urlar­si in fac­cia tut­to quel­lo che spes­so non si ha il corag­gio di dire per pau­ra di esse­re lascia­ti soli con se stes­si; nato da una rifles­sio­ne per­so­na­le sul­le dif­fi­col­tà di comu­ni­ca­zio­ni odier­ne all’interno di una rela­zio­ne, Biba, nel suo sin­go­lo, tra­spo­ne le ulti­me bat­tu­te di un sto­ria espri­men­do il biso­gno visce­ra­le di rice­ve­re del­le rispo­ste drit­te in pan­cia, chia­re e taglienti.

TESTO BRANO

Le cose che non mi dici io le voglio sape­re Le cose che non mi dici io le voglio vede­re
Ti pre­go restia­mo ami­ci anche se non con­vie­ne Ho urla­to aven­do pau­ra non voles­si sen­ti­re
Le cose non ti dico
sono in fon­do al bic­chie­re Le cose che non ti dico ti faran­no star bene
Ci affo­go di con­ti­nuo
qua­si tut­te le sere
Le invi­to a bal­la­re un len­to sopra al ban­co­ne.
Se ti sem­bre­rà
così nor­ma­le lasciar­mi anda­re chie­di­ti per­chè
fa così male.
Mi hai dato due cal­ci al cuo­re ho fin­to di sof­fri­re sem­bra­va così nor­ma­le
pro­va­re dolo­re Ama­vi casca­re in pie­di in ogni situa­zio­ne Cer­ca­vo di non tre­ma­re di fron­te al tuo odore

Con­ta­vo le tue pau­re sen­za fare rumo­re
Quel gior­no ho capi­to che for­se era meglio mori­re.
Con­ta len­to, mol­to len­to
sono den­tro ormai che fac­cio Sen­to un vuo­to den­tro al cor­po sem­bra brut­to ma è stu­pen­do Con­ta len­to, mol­to len­to
sono den­tro ormai che fac­cio Sen­to un vuo­to den­tro al cor­po sem­bra brut­to ma
Se ti sem­bre­rà
così nor­ma­le lasciar­mi anda­re chie­di­ti per­chè
fa così male.
Se ti sem­bre­rà
così nor­ma­le lasciar­mi anda­re chie­di­ti per­chè
fa così male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: