INTERVISTA

Intervista | Nicola Gallerani : L’artista presenta il suo ultimo singolo “La mia estate a Bologna” [Video]

Ho inter­vi­sta­to con pia­ce­re Nico­la Gal­le­ra­ni per cono­sce­re da vici­no il suo ulti­mo sin­go­lo La mia esta­te a Bologna.

La mia esta­te a Bolo­gna è un bra­no disin­can­ta­to che rac­con­ta con iro­nia lo sta­tus di chi rima­ne in cit­tà a lavo­ra­re lascian­do la fami­glia al mare una vol­ta ter­mi­na­te le scuo­le. E’ in que­sto perio­do, nor­mal­men­te il mese di luglio, che i padri ini­zia­no le loro “vere vacan­ze” in tota­le liber­tà: par­ti­ta fino a tar­di, musi­ca, nes­sun ora­rio pre­sta­bi­li­to, nes­sun impe­gno for­ma­le, il tut­to in una cit­tà con meno traf­fi­co e meno gen­te, pra­ti­ca­men­te il mas­si­mo. Le sono­ri­tà e la strut­tu­ra del pez­zo richia­ma­no volu­ta­men­te il disin­can­to del perio­do esti­vo ed invi­ta­no l’ascoltatore a far­si tra­spor­ta­re dal­la spen­sie­ra­tez­za e dal­la orec­chia­bi­li­tà del­la melodia.

Nico­la Gal­le­ra­ni nasce a Bolo­gna il 12 gen­na­io 1974 da padre roma­gno­lo e mam­ma napo­le­ta­na. Fin da bam­bi­no è for­te in lui la pas­sio­ne per la musi­ca che negli anni lo han­no por­ta­to ad esi­bir­si in vari loca­li bolo­gne­si non­ché ad even­ti pri­va­ti. I pro­pri impe­gni fami­lia­ri e pro­fes­sio­na­li non gli han­no impe­di­to di par­te­ci­pa­re a diver­se mani­fe­sta­zio­ni cano­re vin­cen­do nel 2008 il Festi­val di Mon­ghi­do­ro. Appas­sio­na­tis­si­mo di can­tau­to­ra­to ita­lia­no in gene­ra­le e del­la cd “scuo­la bolo­gne­se” in par­ti­co­la­re, ha scrit­to e inter­pre­ta­to nume­ro­si bra­ni ine­di­ti, dai più disin­can­ta­ti ai più impe­gna­ti cer­can­do di diver­ti­re e sor­pren­de­re il pro­prio pub­bli­co con un approc­cio alla real­tà il più pos­si­bi­le ori­gi­na­le e a trat­ti diver­ten­te. Per Nico­la la musi­ca è essen­zial­men­te liber­tà così come è libe­ra la fan­ta­sia e il pen­sie­ro. Nes­sun con­fi­ne, nes­sun pre­giu­di­zio, nes­sun limi­te se non quel­lo del buon gusto e del­la bana­li­tà. Oggi è pron­to per pro­por­re la pro­pria musi­ca ad un pub­bli­co più vasto rivol­gen­do­si in pri­mis alla gene­ra­zio­ne degli anni 70’ e 80’, di cui affron­ta le tema­ti­che del loro vis­su­to quo­ti­dia­no. L’amore per Bolo­gna lo por­ta poi a risco­pri­re le atmo­sfe­re in par­te per­du­te di una cit­tà che è riu­sci­ta comun­que a man­te­ne­re intat­to il suo fasci­no e la sua poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: