NOVITA'

NEWHIT | ELETTRA : “TI AUGURO UNA CAGNA” È IL BRANO ADATTO PER CHI HA ALLE SPALLE UNA STORIA D’AMORE FINITA MALE

Si può bal­la­re sen­za ver­go­gna, augu­ran­do il giu­sto desti­no a un ex-fidan­za­to super­fi­cia­le e scor­ret­to. A ricor­dar­ce­lo, Elet­tra, con il suo nuo­vo sin­go­lo Ti augu­ro una cagna (Alka Record Label), secon­do estrat­to dall’EP 14 minu­ti den­tro la mia testa, in usci­ta a set­tem­bre 2020.

Ti augu­ro una cagna è un bra­no pop libe­ra­to­rio, iro­ni­co e schiet­to, vol­to a esor­ciz­za­re i postu­mi di una brut­ta sto­ria, sdram­ma­tiz­za­re i momen­ti dif­fi­ci­li e ripar­ti­re con nuo­va for­za. Il bra­no segue “Male­det­to”, il sin­go­lo d’esordio, pub­bli­ca­to il 10 mar­zo e accol­to con entu­sia­smo dal­le radio e dal­la critica.

Pren­di una sto­ria d’amore fini­ta male, togli spe­ran­za e delu­sio­ne, aggiun­gi un piz­zi­co di risen­ti­men­to, una buo­na dose di iro­nia e quel tan­to che basta di veri­tà. Mesco­la bene e ser­vi rigo­ro­sa­men­te a cru­do, sen­za trop­pi giri di paro­le. Il risul­ta­to è Ti augu­ro una cagna”.

Clas­se 1991. Nata e cre­sciu­ta nel­la pro­vin­cia roma­na. Il suo pri­mo amo­re è la dan­za, che la por­ta ine­vi­ta­bil­men­te ad avvi­ci­nar­si alla musi­ca. Così, dopo le pri­me lezio­ni pri­va­te, nel 2011 entra nell’Accademia Bot­te­ga del Suo­no di Mar­cel­lo Ciril­lo. Gra­zie all’Ac­ca­de­mia ha l’oc­ca­sio­ne di vive­re il pal­co come cori­sta, giran­do l’Italia in un tour esti­vo. Lo scric­chio­lio del legno, il sound check, i km di auto­stra­da, l’ansia pre-con­cer­to e la smi­su­ra­ta voglia di risa­li­re sul pal­co post con­cer­to: il suo habi­tat natu­ra­le. Nel 2014 diven­ta la front­wo­man nel­la cover band i “Mon­key Blues” e si con­fron­ta con l’estrema malin­co­nia e l’ironico ran­co­re del blues. Saran­no que­sta espe­rien­za e la pura pas­sio­ne per il blues a met­te­re le basi per il pro­get­to soli­sta che svi­lup­pe­rà suc­ces­si­va­men­te.
Nel 2017 entra nell’Accademia Spet­ta­co­lo Ita­lia, dove ha la pos­si­bi­li­tà di per­fe­zio­na­re la tec­ni­ca cano­ra e lo sti­le voca­le con il mae­stro Ful­vio Tomai­no e, paral­le­la­men­te, di spe­ri­men­ta­re nuo­ve for­me di scrit­tu­ra crea­ti­va con i mae­stri Mas­si­mo Cala­bre­se e Jaco­po Rati­ni. Nel­lo stes­so anno par­te­ci­pa al con­cor­so “Pre­mio Pie­ro Cala­bre­se”, clas­si­fi­can­do­si quar­ta.
Il 2017 è l’an­no del for­tu­na­to incon­tro con il can­tau­to­re Leo­nar­do Ange­luc­ci, con il qua­le lavo­ra alle pre-pro­du­zio­ni dei suoi pri­mi lavo­ri. Nel 2018 ini­zia­no le regi­stra­zio­ni per l’etichetta indi­pen­den­te Alka Record Label di Fer­ra­ra.
Il 2019 è un anno pie­no di live, voce e chi­tar­ra, gli ingre­dien­ti con cui da vita alle sue can­zo­ni, ma soprat­tut­to è l’anno di una pic­co­la pau­sa mater­ni­tà.
Elet­tra si sen­te “nera a metà”, guar­da l’orologio sem­pre alle 17:17, ama ascol­ta­re il rumo­re del silen­zio, tra­scri­ve gli sba­gli e li chiu­de in accor­di. Misu­ra tut­to al gram­mo, è mor­ta e poi risor­ta e il suo vero lin­guag­gio è la musi­ca.
Il 10 mar­zo 2020 è usci­to “Male­det­to”, il suo pri­mo singolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: