MUSICA

NEWALBUM | “SPIRITUM FOR EMERGENCY — COVID19” : IL DISCO MANDA UN FORTE SEGNALE A CHI SI TROVA IN EMERGENZA SANITARIA E UMANA. DIETRO AL PROGETTO CI SONO ARTISTI IMPORTANTI COME VIOLANTE PLACIDO E HACIENDA — D

Gio­ve­dì 25 Giu­gno esce sul­le pat­tia­for­me digi­ta­li il disco Spi­ri­tum for Emer­gen­cy — Covid19, un pro­get­to nato per dare un segna­le di vici­nan­za a quan­ti si tro­va­no in situa­zio­ni di asso­lu­ta emer­gen­za sani­ta­ria e uma­ni­ta­ria.
Nel­la men­te dell’artefice del pro­get­to, Danie­le Sor­ren­ti­no (aka Hacien­da — D), que­sta idea si è con­cre­tiz­za­ta nel­la rea­liz­za­zio­ne di un disco i cui rica­va­ti andran­no inte­ra­men­te a soste­gno di Emer­gen­cy, l’associazione ita­lia­na indi­pen­den­te nata nel 1994 per offri­re cure medi­co-chi­rur­gi­che gra­tui­te alle vit­ti­me del­le guer­re, del­le mine anti­uo­mo e, più in gene­ra­le, alle vit­ti­me del­la pover­tà e di situa­zio­ni di gra­ve cri­si. Emer­gen­cy, da sem­pre pro­mo­tri­ce di una cul­tu­ra di pace e soli­da­rie­tà, ha sin da subi­to accol­to favo­re­vol­men­te il progetto.

Pro­prio a cau­sa del Covid, il mon­do del­la musi­ca sta fron­teg­gian­do in que­sti mesi una cri­si sen­za egua­li, ma i musi­ci­sti a cui è sta­ta chie­sta dispo­ni­bi­li­tà han­no ade­ri­to subi­to con gran­de slan­cio. Tut­ti, dai nomi più noti a quel­li meno noti, han­no spo­sa­to in bre­ve tem­po l’idea di un pro­get­to ori­gi­na­le e, ad oggi, uni­co nel suo gene­re.
È nato così l’album Spi­ri­tum for Emer­gen­cy — Covid19, un album rea­liz­za­to con 12 bra­ni di 12 diver­si arti­sti ita­lia­ni ed inter­na­zio­na­li rie­la­bo­ra­ti e ri-arran­gia­ti per l’occasione da Hacienda‑D. Ognu­no dei pez­zi che com­pon­go­no il disco è sta­to infat­ti sot­to­po­sto, in accor­do con gli auto­ri, ad un ri-edi­ting ed ha così riac­qui­sta­to una nuo­va vita. Il pro­get­to ha l’onore di ave­re come madri­na la polie­dri­ca Vio­lan­te Pla­ci­do, che ha accol­to con entu­sia­smo l’idea di poter dare il suo per­so­na­le con­tri­bu­to alla cau­sa.
La ven­di­ta e lo strea­ming del disco, dispo­ni­bi­le sul­le prin­ci­pa­li piat­ta­for­me a par­ti­re da gio­ve­dì 25 giu­gno, ser­vi­ran­no a soste­ne­re i pro­get­ti che Emer­gen­cy ha in atto, in Ita­lia e nel resto del mon­do, in rispo­sta a tan­te diver­se for­me di emer­gen­za lega­te al Covid-19. Il det­ta­glio di que­ste atti­vi­tà di inter­ven­to è repe­ri­bi­le sul sito dell’associazione, al link https:// www.emergency.it/cosa-facciamo/risposta-covid/.

Gli arti­sti che han­no mes­so a dispo­si­zio­ne un loro bra­no per il pro­get­to sono tan­ti e pro­ve­nien­ti da ben 8 dif­fe­ren­ti nazio­ni. Que­sti i loro nomi:

• Abstrak Jaz, una del­le busker più impor­tan­ti del­la sce­na soul/jazz ber­li­ne­se. Ori­gi­na­ria del Cana­da, dal 2013 ha por­ta­to la sua musi­ca sul­le stra­de e nei loca­li di tut­ta Euro­pa, in Asia, Austra­lia e Afri­ca.
• Al The Coor­di­na­tor, alias Aldo D’Orrico, chi­tar­ri­sta e can­tan­te che ha affian­ca­to una lun­ga serie di musi­ci­sti in tan­ti pro­get­ti, par­ten­do dal rock più duro fino ad appro­da­re, con que­sto suo pro­get­to soli­sta, al blues e al blue­grass.
• La band cam­pa­na degli A Toys Orche­stra, pro­ta­go­ni­sti del­la sce­na musi­ca­le ita­lia­na da qua­si ven­ti anni, pre­sen­ti sui pal­chi più impor­tan­ti del rock nostra­no, pas­san­do per il cine­ma e la tv, con un sound uni­co e rico­no­sci­bi­le che con­ti­nua a non delu­de­re mai.
• Cas­si­dy (alias Mau­ro Nigro) musi­ci­sta, can­tan­te e video­ma­ker che è anche l’au­to­re del video pro­mo­zio­na­le del pro­get­to Spi­ri­tum for Emer­gen­cy — Covid19.
• Il duo bel­ga dei Cof­fee Or Not che, par­ti­ti come duo acu­sti­co, han­no matu­ra­to una lun­ga espe­rien­za live, appro­dan­do a sono­ri­tà slo­w­co­re ed elec­tro- pop.
• I Floor 5, anco­ra un duo ma sta­vol­ta risul­ta­to dell’incontro tra Rus­sia e Ita­lia in un bar di Ber­li­no. Le diver­se espe­rien­ze dei due musi­ci­sti han­no per­mes­so loro di crea­re un sound capa­ce di met­te­re insie­me l’incedere dark dei synth con deli­ca­te melo­die voca­li.
• Her Skin, gio­va­nis­si­ma can­tau­tri­ce mode­ne­se (all’a­na­gra­fe Sara Ammen­do­lia) che in soli due anni ha cal­ca­to i pal­chi di impor­tan­ti festi­val (Ypsi­grock, Home Festi­val, Euro­so­nic) e por­ta­to la sua voce ete­rea sino ad Austin (dove ha par­te­ci­pa­to al festi­val South by Sou­th­we­st).
• Lee­lo, can­tau­tri­ce ori­gi­na­ria di Tar­tu, Esto­nia, non­ché poli­stru­men­ti­sta con un back­ground musi­ca­le clas­si­co, che si è lau­rea­ta in Musi­ca in Inghil­ter­ra, ha vis­su­to diver­so tem­po in Austra­lia, per poi appro­da­re a Ber­li­no, dove si è esi­bi­ta nei loca­li più in voga.
• Vio­lan­te Pla­ci­do, spi­ri­to eclet­ti­co ed arti­sta ver­sa­ti­le, spa­zia tra cine­ma, musi­ca e tea­tro con gra­zia e deter­mi­na­zio­ne. Dal 2006 è pro­ta­go­ni­sta di un’avventura musi­ca­le che por­ta avan­ti con il nome Vio­la, col qua­le ha pub­bli­ca­to due dischi, rea­liz­za­to nume­ro­si bra­ni per colon­ne sono­re e duet­ta­to con alcu­ni dei prin­ci­pa­li espo­nen­ti del­la sce­na rock ita­lia­na contemporanea. 

• Jer­ry Sprin­gle, can­tan­te e scrit­tri­ce ori­gi­na­ria dell’Ucraina che, insie­me al suo inse­pa­ra­bi­le uku­le­le, ha per­cor­so in lun­go e in lar­go l’Europa por­tan­do la sua musi­ca nei cafè, nei pub, per stra­da e con­qui­stan­do ogni vol­ta il pub­bli­co pre­sen­te.
• Sur­ma (alias Débo­ra Umbe­li­no), ori­gi­na­ria del Por­to­gal­lo, ha rea­liz­za­to negli ulti­mi due anni ben due­cen­to live tra Euro­pa e Ame­ri­ca, riscuo­ten­do dovun­que gran­di con­sen­si, dal­l’I­slan­da fino al Bra­si­le.
The Rodeo, ana­gram­ma di Doro­thée, musi­ci­sta e can­tan­te pari­gi­na di ori­gi­ne viet­na­mi­ta che si diver­te a mesco­la­re la sua pas­sio­ne per l’A­me­ri­ca con la tra­di­zio­ne indie pop.

Un par­ter­re di gran­de pre­sti­gio, quin­di, per un disco le cui prin­ci­pa­li carat­te­ri­sti­che sono, sen­za dub­bio, il gran­de respi­ro inter­na­zio­na­le e la for­te com­po­nen­te fem­mi­ni­le, cosa quest’ultima non sem­pre scon­ta­ta all’interno del mon­do musi­ca­le. Un mon­do che sof­fre gene­ral­men­te di un dif­fu­so gen­der gap, spes­so asso­cia­to a ste­reo­ti­pi che voglio­no l’industria musi­ca­le sem­pre lega­ta ad una pre­do­mi­nan­te com­po­nen­te maschi­le.
Il pro­get­to, il cui mana­ge­ment è cura­to da “Mac­che­ro­ni Label” e coor­di­na­to da Vin­cen­zo Bel­ve­de­re, è il frut­to di un gran­de sfor­zo pro­dut­ti­vo e orga­niz­za­ti­vo che si spe­ra potrà por­ta­re ad un gran­de risul­ta­to in favo­re degli ulti­mi.
Potre­te ascol­ta­re e acqui­sta­re Spi­ri­tum for Emer­gen­cy — Covid19, a par­ti­re da gio­ve­dì 25 giu­gno, su Spo­ti­fy, Dee­zer, Apple Music, Ama­zon Music, Pan­do­ra, You­Tu­be Music, iTu­nes e Goo­gle Music, dan­do così un pic­co­lo ma impor­tan­tis­si­mo con­tri­bu­to alla causa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: