MUSICA

NEWHIT | GUÈ PEQUENO E SHABLO : ESCE OGGI UN BRANO INEDITO PER RED BULL 64 BARS

Esce oggi gio­ve­dì 11 giu­gno un bra­no ine­di­to di Gué Peque­no pro­dot­to da Sha­blo per Red Bull 64 Bars, la sfi­da crea­ti­va che nasce dall’incontro di un MC e un beat­ma­ker per com­por­re 64 bar­re, dove ogni bar­ra è un ver­so, sen­za la pos­si­bi­li­tà di inse­ri­re un ritornello.

Gué dimo­stra anco­ra una vol­ta di esse­re un mae­stro nel rap game per la sua capa­ci­tà di par­la­re in manie­ra tra­sver­sa­le tra inca­stri liri­ci, tec­ni­ci­smi e rife­ri­men­ti all’attualità, con un imma­gi­na­rio che si appog­gia sul sound ipno­ti­co pro­dot­to da Sha­blo per un nuo­vo epi­so­dio di 64 Bars.

Rimo da quan­do anda­va­no gli Evi­su e chi ave­va i tat­too in viso for­se ave­va ucci­so. Ora che i social dan­no la paro­la ad ogni idio­ta. Io chiu­de­vo l’album nuo­vo, San Vit­to­re anda­va a fuoco”

Red Bull 64 Bars, in col­la­bo­ra­zio­ne con Esse Maga­zi­ne, ha visto cimen­tar­si sva­ria­ti nomi del­la sce­na ita­lia­na tra cui: Mar­ra­cash, Dani Faiv, Mada­me, John­ny Mar­si­glia e mol­ti altri, per arri­va­re a Guè Peque­no e Sha­blo. Tut­ti gli epi­so­di sono dispo­ni­bi­li su: www.redbull.com/64bars

GUÉ PEQUENO (Cosi­mo Fini) è nato a Mila­no nel 1980. Rap­per tra i più influen­ti e rispet­ta­ti in Ita­lia, fin dal­l’i­ni­zio del­la sua car­rie­ra, diven­ta un pun­to di rife­ri­men­to per la sce­na hip hop ita­lia­na, e suc­ces­si­va­men­te per l’in­te­ro pano­ra­ma musi­ca­le. Dopo aver pub­bli­ca­to nel 2000 il pri­mo EP di cul­to 3 MC’s al cubo con le Sacre Scuo­le, con Jake La Furia e il pro­dut­to­re Don Joe dà vita ai Club Dogo. Nel 2011 esce il suo pri­mo pro­get­to soli­sta, Il ragaz­zo d’o­ro, che in un’e­po­ca pre-strea­ming e pre-insto­re in cui le ven­di­te dei dischi sono anco­ra mol­to con­te­nu­te rag­giun­ge lo sta­tus di disco d’oro. Nel 2013 è la vol­ta di Bra­vo ragaz­zo, con il qua­le si aggiu­di­che­rà un disco di pla­ti­no. Due anni dopo è il pri­mo arti­sta ita­lia­no a fir­ma­re per l’iconica eti­chet­ta disco­gra­fi­ca Def Jam Recor­dings, con la qua­le pub­bli­ca Vero, il suo ter­zo lavo­ro da soli­sta, anch’es­so cer­ti­fi­ca­to disco di pla­ti­no e, come i pre­ce­den­ti, mol­to apprez­za­to anche dal­la stam­pa musi­ca­le. Nel 2016, insie­me all’a­mi­co di sem­pre Mar­ra­cash, pub­bli­ca l’at­te­so pro­get­to col­la­bo­ra­ti­vo San­te­ria. È del 2017 il suo quar­to album soli­sta, Gen­tle­man, dal respi­ro inter­na­zio­na­le e con­tem­po­ra­neo; cer­ti­fi­ca­to dop­pio pla­ti­no, è sta­to uno dei dischi rap dell’anno, con quat­tro set­ti­ma­ne in vet­ta alla clas­si­fi­ca. Nel 2017 Gué è sta­to l’artista ita­lia­no più ascol­ta­to su Spo­ti­fy. Nel set­tem­bre 2018 pub­bli­ca Sina­tra, il pri­mo lavo­ro che vede la col­la­bo­ra­zio­ne con il suo nuo­vo team: BHMG. Anche gra­zie alla dire­zio­ne arti­sti­ca di Char­lie Char­les, il pro­du­cer che nel giro di pochis­si­mi anni ha rivo­lu­zio­na­to lo sce­na­rio del rap ita­lia­no, Sina­tra è un disco divi­so tra un’anima più trap e una più lati­na, al livel­lo del­le miglio­ri pro­du­zio­ni inter­na­zio­na­li. Cer­ti­fi­ca­to disco di pla­ti­no, ha anti­ci­pa­to la sua pri­ma vol­ta live al Forum di Mila­no (il con­cer­to è sold-out) e la pri­ma a San­re­mo (come ospi­te di Mah­mood nel­la sera­ta dei duet­ti, feb­bra­io 2019). Da apri­le 2019 è uno dei giu­di­ci di The Voi­ce of Ita­ly, in onda su Rai2. Nel giu­gno del 2019 pub­bli­ca a sor­pre­sa il con­cept EP Geli­da esta­te, ispi­ra­to alle sono­ri­tà e alle atmo­sfe­re che domi­na­no la sta­gio­ne cal­da. Paral­le­la­men­te all’at­ti­vi­tà musi­ca­le, Gué è anche un impren­di­to­re di suc­ces­so: ha fon­da­to l’e­ti­chet­ta Tan­ta Roba insie­me a dj Harsh (che ha lan­cia­to arti­sti del cali­bro di Sal­mo, Ensi, Gha­li, Gemi­taiz, Mad­man, Prie­stess e Fedez) e il brand di moda Z€N.

SHABLO

Pablo Miguel Lom­bro­ni Capal­bo, in arte Sha­blo, è un musi­ci­sta, pro­dut­to­re, dj, mana­ger e disco­gra­fi­co ita­lo-argen­ti­no. Pun­to di rife­ri­men­to per la musi­ca urban ita­lia­na degli ulti­mi ven­t’an­ni (dal 1999 ad oggi non ha mai inter­rot­to la sua atti­vi­tà dal vivo e in stu­dio), in Ita­lia è tra i pochis­si­mi in gra­do di spa­zia­re dal soul alla trap, dal rap degli anni d’o­ro fino all’e­let­tro­ni­ca di avan­guar­dia, gra­zie alla sua capa­ci­tà di uni­re e crea­re mon­di appa­ren­te­men­te incon­ci­lia­bi­li tra di loro. Nel­la sua car­rie­ra ha cura­to la regia di diver­si album mul­ti-pla­ti­no, da San­te­ria di Mar­ra­cash e Gué Peque­no a Rock­star di Sfe­ra Ebba­sta, e ha super­vi­sio­na­to la pro­du­zio­ne arti­sti­ca di mol­ti altri pro­get­ti disco­gra­fi­ci in ambi­to hip hop e urban. Paral­le­la­men­te ai suoi exploit musi­ca­li, è anche fon­da­to­re e ammi­ni­stra­to­re di alcu­ne del­le real­tà impren­di­to­ria­li più inno­va­ti­ve e pro­li­fi­che del­l’in­du­stria disco­gra­fi­ca, come Thau­rus e BHMG.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: