CONCERTI MUSICA

FABRIZIO DE ANDRÈ e PFM. Il concerto ritrovato. Musica, storia e magia nel nuovo docufilm diretto da Walter Veltroni.

Lo sto­ri­co fil­ma­to del con­cer­to di Fabri­zio De André con la PFM, recen­te­men­te ritro­va­to dopo esse­re sta­to custo­di­to per oltre 40 anni dal regi­sta Pie­ro Frat­ta­ri che par­te­ci­pò alla rea­liz­za­zio­ne del­le ripre­se, diven­ta un docu­film diret­to da Wal­ter Vel­tro­ni, rea­liz­za­to da Except, dedi­ca­to appun­to a quel­la indi­men­ti­ca­bi­le pagi­na del­la sto­ria del­la musi­ca ita­lia­na. Dopo un lun­go perio­do di ricer­ca con il sup­por­to di Franz Di Cioc­cio, il nastro che si cre­de­va per­du­to per sem­pre è sta­to rin­trac­cia­to e gra­zie al regi­sta Pie­ro Frat­ta­ri, che lo ha sal­va­to e con­ser­va­to nel cor­so dei decen­ni, è sta­to pos­si­bi­le restaurarlo. 

Fabri­zio De André e PFM. Il con­cer­to ritro­va­to rico­strui­sce quell’epoca indi­men­ti­ca­bi­le che ha segna­to un momen­to sto­ri­co — l’irripetibile soda­li­zio arti­sti­co tra uno dei più gran­di arti­sti ita­lia­ni di sem­pre e la rock band ita­lia­na più cono­sciu­ta al mon­do — par­ten­do soprat­tut­to dal­la ritro­va­ta regi­stra­zio­ne video com­ple­ta del con­cer­to di Geno­va del 3 gen­na­io 1979, un docu­men­to straor­di­na­rio visto che si trat­ta del­le uni­che imma­gi­ni di quell’incredibile tournée. 

“Stra­na la vita, non fini­sce mai di riser­var­ti sor­pre­se — com­men­ta Dori Ghez­ziPer for­tu­na, come in que­sto caso, si trat­ta di una sor­pre­sa dav­ve­ro bel­la. Sono anch’io mol­to curio­sa ed emo­zio­na­ta di rive­de­re quel­lo sto­ri­co con­cer­to. Se ci pen­so mi sen­to già ripro­iet­ta­ta in quei momen­ti tra­vol­gen­te­men­te bel­li, di 40 anni fa”.

E Franz Di Cioc­cio del­la PFM aggiun­ge “Che bel­lo ritro­va­re Fabri­zio sul pal­co con noi… vede­re il film del con­cer­to sarà come riab­brac­ciar­lo. Un gran­de ami­co che ha sem­pre rac­con­ta­to gli uomi­ni e le don­ne sen­za dare ‘buo­ni con­si­gli’.

Il fil­ma­to restau­ra­to del con­cer­to sarà il ful­cro del docu­film; le imma­gi­ni saran­no rac­con­ta­te dai pro­ta­go­ni­sti di quell’avventura straor­di­na­ria — Dori Ghez­zi, Franz Di Cioc­cio, Patrick Dji­vas, Fran­co Mus­si­da, Fla­vio Pre­mo­li, David Rion­di­no, Pie­ro Frat­ta­ri, Gui­do Hara­ri – che rie­vo­che­ran­no l’atmosfera di quel gior­no, le emo­zio­ni pro­va­te, il die­tro le quin­te e la magia di un’esperienza mai più replicata. 

Solo nel 1975 Fabri­zio De André deci­se di esi­bir­si in pub­bli­co, in loca­li e pala­sport, ese­guen­do il suo reper­to­rio qua­si ed esclu­si­va­men­te nel­la ver­sio­ne ori­gi­na­le. Nel 1978 la PFM lo con­vin­se a fare un tour insie­me lun­go tut­to lo sti­va­le e ad arran­gia­re i suoi bra­ni in chia­ve rock. Un’unione arti­sti­ca uni­ca nel­la sto­ria, un lega­me nato ai tem­pi del­la regi­stra­zio­ne in stu­dio del­l’al­bum “La buo­na novel­la”, un’a­mi­ci­zia che por­ta Fabri­zio e PFM a rin­con­trar­si nel tem­po, come in occa­sio­ne di un con­cer­to esti­vo del­la band a Nuo­ro pro­prio nell’agosto del 1978.

Fu così che De André tor­nò nel­la sua cit­tà per quel con­cer­to rima­sto nel cuo­re di tut­ti e che cam­biò per sem­pre la sto­ria del­la musi­ca ita­lia­na. “Fabri­zio De André e PFM. Il con­cer­to ritro­va­to” sarà un viag­gio nel­la memo­ria ma anche un viag­gio emo­zio­na­le nel qua­le si ricer­ca­no le sug­ge­stio­ni di un’epoca uni­ca del­la sto­ria del nostro pae­se, segna­ta da even­ti dram­ma­ti­ci, un’epoca di gran­di tra­sfor­ma­zio­ni socia­li e fer­men­ti ideo­lo­gi­ci, e di tan­tis­si­ma ener­gia crea­ti­va che pro­prio nel­la musi­ca tro­vò l’espressione più dirom­pen­te e innovativa. 

Wal­ter Vel­tro­ni, chia­ma­to a rea­liz­za­re il docu­film, non ha potu­to che accet­ta­re l’invito, emo­zio­na­to dal­le imma­gi­ni uni­che ritro­va­te dopo 40 anni: “È un docu­men­to ine­di­to di gran­de valo­re musi­ca­le e cul­tu­ra­le, sot­trat­to alla distru­zio­ne, che mostre­re­mo inte­gral­men­te. Attra­ver­so le inter­vi­ste dei pro­ta­go­ni­sti gli spet­ta­to­ri viag­ge­ran­no nel tem­po e nel­lo spa­zio, fino alle por­te del padi­glio­ne C del­la Fie­ra di Geno­va, quel 3 gen­na­io del 1979”.


Men­tre si avvi­ci­na l’ottantesimo anni­ver­sa­rio dal­la nasci­ta di Fabri­zio De André (1940–1999) diver­se gene­ra­zio­ni di appas­sio­na­ti pos­so­no così ritro­var­si nel­le sale per assi­ste­re a un con­cer­to di Fabri­zio De André e PFM.

Il docu­film sarà distri­bui­to al cine­ma solo per tre gior­ni, il 17, 18 e 19 feb­bra­io con i media part­ner Radio DEEJAY, MYmovies.it, Rockol.it, Onstage.

Rin­gra­zio di cuo­re la PFM per il mate­ria­le inviato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: